No a Vaccini e Green pass, migliaia di persone protestano in Francia e Grecia


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Diverse migliaia di persone, in almeno tre manifestazioni, sono scese in strada oggi pomeriggio in almeno tre manifestazioni a Parigi contro la vaccinazione, la “dittatura” e il pass sanitario. Un primo corteo, composto da poche migliaia di persone, è partito dal Palais-Royal prima di attraversare la Senna gridando “Libertà”, “No alla dittatura sanitaria” o “Macron dimissioni”.

In testa al corteo, dove sventolavano le bandiere francesi, c’erano l’ex numero 2 del Front National Florian Philippot, l’ex deputata scettica su covid e vaccini Martine Wonner, il cantante Francis Lalanne e l’ex volto dei gilet gialli Jacline Mouraud. “Questo è l’inizio di qualcosa di estremamente forte nella resistenza”, ha detto Philippot, candidato alle elezioni presidenziali del 2022.

Prima della manifestazione, Nicolas Dupont-Aignan, presidente del partito sovranista Debout la France, ha tenuto una conferenza stampa davanti al Consiglio costituzionale, dove ha denunciato un “abuso di potere senza precedenti” e un “colpo di stato sanitario” dopo gli annunci del presidente Emmanuel Macron. Con il pass sanitario nella vita di tutti i giorni, è “l’inizio di una spirale verso una dittatura”, ha aggiunto.

Allo stesso tempo, circa 1.500 persone hanno manifestato per le strade del sud della capitale, in un corteo accompagnato da striscioni come “wanted Repubblica Democratica Francese, scomparsa il 12 luglio 2021”, “no al pass sanitario, stop alla dittatura”, e gli slogan “Libertà”, “Macron dittatore”. Infine, alcune decine di persone hanno preso parte a un altro raduno non autorizzato a Place de la République.

Le manifestazioni in Francia seguono quelle imponenti in Grecia dove decine di migliaia di persone hanno protestato ad Atene e in tutto il paese contro le restrizioni anti covid, le vaccinazioni e il green pass.

Le proteste sono divampate mercoledì in Francia e in Grecia mentre i residenti arrabbiati per le restrizioni del coronavirus e sulla propaganda vaccinale in entrambi i paesi hanno marciato contro nuove e più severe normative che discriminano le persone che non vogliono essere vaccinate. Reato gravissimo che richiama i tempi bui delle dittature del ‘900.

Cosa peraltro espressamente vietata nel regolamento Ue sulle certificazioni verdi, che al punto 36 recita testualmente: È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate, per esempio per motivi medici, perché non rientrano nel gruppo di destinatari per cui il vaccino anti COVID-19 è attualmente somministrato o consentito, come i bambini, o perché non hanno ancora avuto l’opportunità di essere vaccinate O HANNO SCELTO DI NON ESSERE VACCINATE. Pertanto il possesso di un certificato di vaccinazione, o di un certificato di vaccinazione che attesti l’uso di uno specifico vaccino anti COVID-19, non dovrebbe costituire una condizione preliminare per l’esercizio del diritto di libera circolazione o per l’utilizzo di servizi di trasporto passeggeri transfrontalieri quali linee aeree, treni, pullman, traghetti o qualsiasi altro mezzo di trasporto. Inoltre, il presente regolamento non può essere interpretato nel senso che istituisce un diritto o un obbligo a essere vaccinati”.

A Parigi, i manifestanti si sono scontrati con la polizia dopo che il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato misure radicali per combattere la pandemia all’inizio di questa settimana. Ha imposto le vaccinazioni per tutti gli operatori sanitari e ha affermato che le nuove regole richiederanno che le persone non vaccinate mostrino test negativi per il coronavirus prima di entrare in bar, ristoranti e altri luoghi di intrattenimento.

Anche questa settimana, le autorità greche hanno affermato che tutti gli operatori sanitari dovranno essere immunizzati o subire sanzioni e solo le persone vaccinate potranno utilizzare gli spazi interni pubblici fino al 31 agosto, durante l’apice della stagione turistica della Grecia. Le politiche hanno provocato manifestazioni ad Atene, dove migliaia di persone si sono radunate fuori dal parlamento mercoledì sotto la forte presenza della polizia, ha riferito Reuters .


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM