19 Maggio 2022

Freedom Convoy, a Parigi camionisti in rivolta. Ora tocca a Roma e Bruxelles

Stessa categoria

Dopo l’imponente protesta dei camionisti canadesi, cui si sono uniti cittadini comuni, la campagna contro le restrizioni anti-covid si allarga a macchia d’olio e ha raggiunto l’Europa. I “Freedom Convoy” (convogli delle libertà) a Ottawa, hanno costretto il primo ministro Justin Trudeau alla fuga dal palazzo e ad allentare le misure restrittive. 

A Parigi, in Francia, sono migliaia i camionisti in rivolta contro il regime Macron, che vorrebbe attuare lo stesso modus operandi che il suo collega banchiere Draghi sta attuando nel silenzio più assoluto del parlamento in Italia. A Parigi ci sono stati scontri con la Polizia, ma nessuno dei manifestanti si arrende. L’onda lunga della protesta, promettono, arriva prima a Bruxelles e poi a Roma accompagnati da slogan di Libertà, no alle restrizioni, no all’obbligo vaccinale e no a qualsiasi Green pass.

I cittadini (finalmente) dopo mesi di ipnosi mediatica stanno cominciando a svegliarsi e tentano ora di riappropriarsi delle libertà sottratte col pretesto del terrore sanitario.

Racconta Byoblu, che i camionisti francesi, accompagnati da auto, furgoni e altri mezzi, sono partiti all’alba dai sei angoli della FranciaIeri mattina più di 2.600 veicoli, appunto tra Tir e macchine, hanno marciato verso Parigi e sono arrivati fino all’arco di Trionfo

Le carovane con all’interno i manifestanti hanno preso parte all’iniziativa nata a gennaio in Canada dal nome Freedom Convoy. 

Nonostante i divieti, sono riusciti ad arrivare con automobili e furgoni fino al centro della capitale francese e le forze dell’ordine in assetto antisommossa stanno cercando di fermarli.

I partecipanti al Freedom Convoy, che sta prendendo sempre più piede anche in Europa, contestano le restrizioni anti-Covid e l’obbligo di vaccinazione, oltre al discriminatorio Green pass. 

A causa del blocco della gendarmeria hanno deciso di proseguire a piedi, raggiungendo gli Champs-Elysées. Sono stati segnalati alcuni scontri con la polizia, anche in Place d’Italie.

Nelle immagini che mostra Byoblu prese in diretta anche da Twitter, ad un automobilista che si rifiuta di scendere dall’auto viene rotto con un manganello il finestrino. Ma in altre si vede che i manifestanti hanno costretto al fuga mezzi della gendarmeria. Video

Sono momenti di alta tensione, ma il movimento di protesta nato in Canada sembra ormai inarrestabile e si espande prepotentemente in altri paesi europei e in Australia, dove i cittadini stanno manifestando contro una dittatura spietata.

Nessuno dei governanti al libro paga dell’alta finanza aveva immaginato che i camionisti potessero rivoltarsi in questo modo contro un sistema marcio e corrotto. Una manifestazione non violenta, ma molto incisiva perché coi Tir organizzati si riesce a bloccare tutto e tutti.

Prossima tappa Bruxelles, sede del potere Ue, e poi Roma, dove il regime di Draghi sta mettendo a dura prova la pazienza degli italiani, con la politica di destra e sinistra – falsa opposizione compresa -, al soldo delle case farmaceutiche. Da “prima gli italiani” a “prima la finanza speculativa” il passo è stato più breve di quanto potevamo immaginare.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER