27 Febbraio 2024

Francia: “Né l’Ue né gli Usa vogliono uno scontro militare con la Russia”. Zelensky: “Siamo soli”

Il ministro della Difesa francese allontana lo spettro di una guerra su larga scala con l'intervento della Nato. "La Federazione Russa è una potenza nucleare e l'Ucraina non fa parte dell'alleanza atlantica. Il nostro obiettivo è raggiungere un cessate il fuoco", ha detto Florence Parly. Intanto il presidente ucraino Zelensky si dice deluso: "Tutti hanno paura, tutti tacciono", ha detto

Correlati

Il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky

“Nessuno stato europeo, così come gli Stati Uniti, vuole uno scontro militare diretto con la Russia, perché la Federazione Russa è una potenza nucleare”, ha detto venerdì alla radio il ministro della Difesa francese Florence Parly citata dalla Tass.

“Non abbiamo dichiarato guerra alla Russia. Non credo che nessuno stato europeo o USA voglia combattere con la Russia”, ha detto. “Il nostro obiettivo è raggiungere un cessate il fuoco”.

Il ministro ha osservato che la Russia è una potenza nucleare e che anche la NATO dispone di tali armi. “Vuoi una guerra nucleare?” ha chiesto al conduttore radiofonico in risposta alla domanda più volte posta se la Francia intende inviare i militari a difendere l’Ucraina.

“Le armi nucleari sono armi di deterrenza, che non devono essere utilizzate”, ha aggiunto Parly. Il ministro ha spiegato che la priorità della Francia e della Nato è garantire la sicurezza degli Stati membri, soprattutto sul fianco orientale, e “l’Ucraina non fa parte dell’alleanza”, ha sottolineato.

Allo stesso tempo, ha rivelato che la Francia ha fornito forniture per la difesa all’Ucraina “per un po’”, senza fornire alcun dettaglio.

“Non spediamo attrezzature militari come aiuti umanitari. Esistono regole molto rigide per tali carichi e aderiamo a queste regole. Ma ci rendiamo conto che la situazione è molto grave”, ha affermato Parly, aggiungendo che la Francia sta esaminando scrupolosamente nuove richieste da parte di autorità ucraine e fornirà una risposta “molto veloce”.

Parole, quelle del ministro della Difesa francese, che confermano la delusione del presidente ucraino Vladimir Zelensky sul fatto che né l’Ue né gli Usa hanno intenzione di infilarsi in un conflitto i cui esiti potrebbero essere devastanti. Zelensky si sente abbandonato e sempre citato dalla Tass afferma che il suo Paese “ha finito per difendersi da solo”.

“Abbiamo finito per difendere il nostro Paese da soli. Chi è pronto a combattere al nostro fianco? Non vedo nessuno”, ha detto in un discorso video alla nazione, pubblicato sul suo canale Telegram venerdì sera.

Nelle sue parole, nessuno era pronto a garantire che l’Ucraina alla fine sarebbe diventata un membro della NATO. “Tutti hanno paura, tutti tacciono”, ha detto. “Hanno risposto che […] sono con noi, ma non sono pronti a renderci membri dell’alleanza”. Allo stesso tempo, il leader ucraino ha ringraziato i partner per il supporto. “Sono grato a ogni paese, che sta aiutando l’Ucraina con i fatti, non solo con le parole”, ha detto.

Giovedì mattina il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato in un discorso televisivo che, in risposta a una richiesta dei capi delle repubbliche del Donbass, aveva deciso di effettuare un’operazione militare speciale al fine di proteggere le persone “che hanno subito abusi e genocidio del regime di Kiev per otto anni”.

Il ministero della Difesa russo ha rassicurato sul fatto che le truppe russe non prendono di mira le città ucraine, ma si limitano a colpire chirurgicamente e rendere inabili le infrastrutture militari ucraine. Non ci sono minacce di sorta per la popolazione civile.

LEGGI ANCHE

Ucraina, ecco il discorso integrale di Vladimir Putin alla Nazione


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Si vota per le regionali in Sardegna, 1,4 milioni gli elettori chiamati alle urne

Urne aperte dalle 6.30 di oggi 25 febbraio in Sardegna per le elezioni regionali. Cominciano le operazioni di voto...

DALLA CALABRIA

Scrontro frontale nel crotonese, due morti e due feriti gravi

Due giovani, un ragazzo e una ragazza sono morti e due sono feriti gravemente feriti in un incidente stradale...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)