26 Settembre 2022

Ucraina, Putin sospenderà l’operazione se Kiev soddisferà le richieste di Mosca

Telefonata tra il leader russo e i suoi omologhi di Turchia e Francia. Boris Johnson stempera la tensione: "Questo non è un conflitto della NATO e non lo diventerà. Nessun alleato ha inviato truppe da combattimento in Ucraina"

Correlati

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che l’operazione militare russa in Ucraina potrà essere sospesa solo se Kiev cesserà le azioni militari e soddisferà le richieste di Mosca. E’ questo il contenuto di una conversazione telefonica tra Putin e il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan, riferisce l’ufficio stampa del Cremlino, citato dalla Tass, dopo i colloqui dei due leader domenica. Dello stesso tenore è il contenuto di una telefonata, l’ennesima, tra Putin e Macron.

“Vladimir Putin ha informato sullo stato di avanzamento dell’operazione militare speciale sulla protezione del Donbass, ha trasmesso i principali approcci e valutazioni in questo contesto, ha spiegato in dettaglio obiettivi e compiti di base stabiliti. È stato sottolineato che l’operazione speciale sta procedendo secondo un piano programmato”, si legge nella nota. È stato notato che le forze armate russe “stanno facendo tutto il possibile per preservare la vita e garantire la sicurezza dei civili, gli attacchi di precisione mirano esclusivamente alle infrastrutture militari”.

“In questo contesto, le azioni delle formazioni nazionaliste neonaziste che continuano i bombardamenti intensivi del Donbass e utilizzano i civili, compresi gli stranieri, praticamente presi in ostaggio, come scudi umani nelle città e località ucraine, sono particolarmente crudeli e ciniche”, si osserva nella dichiarazione.

Durante la conversazione, il leader russo ha confermato “la disponibilità della parte russa al dialogo con le autorità ucraine e i partner stranieri per risolvere il conflitto”. “Detto questo, è stata rilevata l’inutilità di qualsiasi tentativo di bloccare il processo negoziale utilizzato dall’esercito ucraino per raggruppare le sue forze e mezzi. In relazione a ciò, è stato sottolineato che la sospensione dell’operazione speciale è possibile solo se Kiev cessa le azioni militari e soddisfa le richieste della Russia che sono state rese perfettamente chiare”, ha riferito il Cremlino riferendosi al ciclo dei colloqui diplomatici tra russi e ucraini.

“È stata espressa la speranza che durante un altro ciclo di colloqui programmato, i rappresentanti dell’Ucraina mostreranno un approccio più costruttivo che tenga pienamente conto delle circostanze attuali”, ha aggiunto il Cremlino.

Boris Johnson: “Questo non è un conflitto della NATO e non lo diventerà. Nessun alleato ha inviato truppe da combattimento in Ucraina”

Intanto, “la NATO non nutre animosità nei confronti del popolo russo, né mette in dubbio lo status della Russia come potenza mondiale”, ha affermato domenica il primo ministro britannico Boris Johnson in un editoriale pubblicato dal New York Times, citato dalla Tass.

“Non abbiamo ostilità verso il popolo russo, e non abbiamo alcun desiderio di impugnare una grande nazione e una potenza mondiale”, ha detto Johnson, sottolineando che “l’Ucraina non aveva alcuna seria prospettiva di adesione alla NATO nel prossimo futuro”.

“Questo non è un conflitto della NATO e non lo diventerà. Nessun alleato ha inviato truppe da combattimento in Ucraina”, ha osservato il primo ministro britannico.

In precedenza, ha proposto agli alleati della NATO di sostenere il piano d’azione internazionale sull’Ucraina. Include la mobilitazione di una coalizione umanitaria internazionale, la fornitura di equipaggiamento difensivo a Kiev, la massimizzazione della pressione economica sulla Russia, la prevenzione di “qualsiasi normalizzazione strisciante” delle azioni della Russia in Ucraina, la ricerca di percorsi diplomatici verso la de-escalation ma solo se “il governo dell’Ucraina ha pieno agenzia in qualsiasi potenziale accordo”, oltre a rafforzare la sicurezza euro-atlantica.

Secondo Johnson, l’Occidente e l’intera comunità internazionale dovrebbero sostenere queste iniziative. La prossima settimana intende discuterne con il suo omologo canadese Justin Trudeau e il suo collega olandese Mark Rutte che visiterà Londra lunedì 7 marzo. Martedì 8 marzo la capitale britannica ospiterà i leader del Gruppo di Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) che insieme al premier britannico parteciperanno a un incontro speciale dedicato all’Ucraina.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Spari in una scuola in Russia, 15 morti tra cui 11 bimbi. 24 feriti. Il Cremlino: “Forse un neonazista”

Si aggrava il bilancio delle vittime della sparatoria nella scuola di Izhevsk, salito a 15 morti, tra cui 11...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER