30 Novembre 2022

Putin: “Pronti ad aumentare le forniture di gas all’Ue, decidano loro”

Il presidente russo al forum sull'Energia: "Il price cup è un gioco truccato. Non forniremo gas a chi lo impone. La palla è dalla parte dell'Unione Europea. Non limitiamo nessuno, compresa la disponibilità a fornire volumi extra durante la stagione invernale", ha affermato il capo del Cremlino

Correlati

“Dirò una cosa: la Russia non agirà contro il buon senso, pagando di tasca propria per il benessere degli altri. Non forniremo energia a quegli Stati che impongono un tetto ai prezzi dell’energia (price cup).

Lo ha ribadito il presidente russo Vladimir Putin, intervenendo al forum della Settimana dell’energia russa, come riporta Tass.

“Verso coloro che preferiscono i trucchi sporchi e i ricatti spudorati, e sono decenni che viviamo in un paradigma di questo tipo, in ambito politico, non agiremo a nostro discapito”.

Misure come il tetto ai prezzi per le risorse energetiche russe sono un “gioco truccato”, ha affermato il presidente russo”.

“La Russia – ha detto Putin al forum della Settimana dell’energia russa – è pronta ad avviare le forniture di gas all’Europa attraverso l’unica condotta rimanente del gasdotto Nord Stream 2”.

“La sua capacità è di 27,5 miliardi di metri cubi all’anno, circa l’8% delle importazioni totali di gas in Europa. La Russia è pronta per l’inizio di tali forniture. La palla è dalla parte dell’Unione Europea, come si suol dire. Non limitiamo nessuno, compresa la disponibilità a fornire volumi extra durante la stagione invernale”, ha affermato il Presidente.

“Alla Russia è impedito di partecipare alle indagini sugli incidenti dei gasdotti, ha detto Putin. “Mi dispiace dire che non siamo autorizzati a esaminare [la restante stringa], ma la pressione è sufficiente”, ha osservato. “La pressione è mantenuta, il che significa che è in condizioni operative, a tutti gli effetti”, ha affermato il presidente.

“I beneficiari della rottura del Nord Stream sono evidenti: gli Usa e i Paesi con rotte di approvvigionamento alternative”, ha detto Putin. “Lo scopo dell’atto terroristico contro i gasdotti Nord Stream era quello di minare la sicurezza energetica dell’intero continente. Dietro il sabotaggio c’è qualcuno che vuole tagliare completamente i legami tra la Russia e l’Ue e così indebolire l’Europa”, ha aggiunto.

Gazprom: “Non sappiamo se l’Ue sopravviva a questo inverno con le attuali riserve negli impianti di stoccaggio sotterranei di gas”

“Non ci sono garanzie che l’Europa sopravviva a questo inverno con le attuali riserve negli impianti di stoccaggio sotterranei di gas”. Lo afferma l’amministratore delegato di Gazprom Aleksej Borisovič Miller, come riporta Tass. “Le forniture di gas via Nord Stream 2 possono iniziare immediatamente” se riceverà le autorizzazioni, ha aggiunto.

“Chiediamo alla Commissione un approccio comune su una serie di misure per affrontare i prezzi elevati del gas. Nelle ultime settimane abbiamo tenuto discussioni aperte e costruttive per affrontare la questione degli alti prezzi del gas. Siamo partiti da idee e documenti diversi. Ci siamo incontrati nello spirito del compromesso e nella convinzione condivisa che abbiamo bisogno di un terreno comune per aprire la strada a una forte risposta europea comune alla crisi”. E’ quanto si legge in un documento sottoscritto da tutti i Paesi Ue e diretto alla Commissione europea, emerso dal Consiglio Affari Energia informale di Praga.

“La riunione di oggi” dei ministri dell’Energia “ha contribuito a colmare le distanze tra gli Stati membri e ci stiamo muovendo verso una soluzione comune” per abbassare i prezzi. Lo ha detto il il ministro dell’Energia ceco, Jozef Sikela, al termine del Consiglio informale Energia a Praga.

“La Commissione europea presenterà le sue proposte” contro il caro energia “la prossima settimana. Saranno discusse al Consiglio Energia formale del 25 ottobre e un’ulteriore riunione straordinaria dei ministri dell’energia potrebbe essere convocata per raggiungere un accordo comune”. Lo ha detto il ministro dell’Energia della Repubblica Ceca, Jozef Sikela, che detiene la presidenza di turno dell’Ue, al termine del Consiglio informale Energia a Praga.

“Applicare un tetto massimo o un corridoio al prezzo” del gas “sul mercato all’ingrosso”, si legge nel documento congiunto firmato dai Ventisette ministri dell’Energia europei riuniti a Praga e diretto alla Commissione. “Le opinioni divergono su questa opzione” e sul fatto che “tale misura sia possibile ed economicamente efficiente o se possa portare a razionamento, arbitraggio o sussidi”, evidenziano i 27 che chiedono di studiare l’opzione di modificare i riferimenti all’indice Ttf nei contratti pertinenti attraverso una misura legale e/o regolamentare dell’Ue” rimarcando, però, come anche in questo caso “le opinioni divergono”.

Commissaria Ue all’Energia: “Meglio negoziare che il price cup”

Sul price cap “riteniamo che negoziare il prezzo con i fornitori” sia una opzione “migliore” ma se, ciò non fosse possibile, la Commissione valuta “un meccanismo per limitarli” in ogni caso. Lo ha detto la commissaria Ue all’Energia Kadri Simson in conferenza stampa a Praga dopo il vertice informale dei ministri europei dell’Energia. Simson ha confermato che la Commissione presenterà il pacchetto martedì, 18 ottobre.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Falso in bilancio, si dimette l’intero Cda della Juventus

Dopo dodici anni lascia anche il presidente Andrea Agnelli. Gianluca Ferrero sarà il nuovo presidente. Alla base della decisione il coinvolgimento nell'indagine Prisma per falso in bilancio e dalle contestazioni della Consob

DALLA CALABRIA

Maltempo, grossa frana a Maratea, chiusa la statale 18

Una "grande frana" - con detriti e massi che hanno raggiunto il mare sottostante - si è staccata stamani,...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER