30 Novembre 2022

La Russia si esercita per praticare un massiccio contrattacco nucleare

Nel caso di un attacco da parte del nemico la Federazione russa si prepara ad un eventuale controffensiva nucleare. Un missile balistico intercontinentale Yars è stato lanciato dal cosmodromo di Plesetsk e un missile balistico Sineva dal Mare di Barents presso il sito di test di Kura in Kamchatka. "Colpiti tutti gli obiettivi". Putin: "Rischio conflitto è molto alto". Il punto sull'Ucraina e la "bomba sporca"

Correlati

La Russia ha tenuto un’esercitazione strategica di forza nucleare per praticare un massiccio contrattacco di rappresaglia contro il nemico, ha detto mercoledì il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu al canale televisivo Rossiya-24. Lo riferisce la Tass.

“In conformità con il programma di addestramento delle forze armate russe, è in corso un’esercitazione per esercitare il comando e il controllo delle forze armate, compresi i compiti di effettuare un massiccio attacco nucleare da parte delle forze nucleari strategiche in rappresaglia per l’attacco nucleare del nemico”, Shoigu ha detto in un rapporto al presidente Vladimir Putin.

Come parte dell’addestramento, un missile balistico intercontinentale Yars è stato lanciato dal cosmodromo di Plesetsk e un missile balistico Sineva dal Mare di Barents presso il sito di test di Kura in Kamchatka. Nell’esercitazione sono stati coinvolti due aerei a lungo raggio Tu-95MS. Entrambi hanno lanciato missili da crociera. Secondo il sito web del Cremlino, tutti i compiti sono stati completati per intero e tutti i missili hanno colpito i loro obiettivi, confermando le caratteristiche previste.

Già nelle scorse ore il presidente russo Vladimir Putin aveva detto che “il rischio di un conflitto” su larga scala e nucleare “è molto alto”.

“Il potenziale di conflitto nel mondo nel suo insieme, così come a livello regionale, rimane molto alto. Stanno emergendo nuovi rischi e sfide per la sicurezza collettiva, principalmente a causa di un forte aggravamento del confronto geopolitico globale”.

Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin in una riunione del Consiglio dei capi delle agenzie di sicurezza e dei servizi speciali dei paesi della Csi. Lo riporta la Tass.

Il punto sull’Ucraina 

L’Ucraina ha effettivamente perso la sua sovranità e si è trasformata in un ariete degli Stati Uniti contro la Russia e la Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) in generale, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin, parlando mercoledì davanti ai capi delegazione alla 51esima riunione del Consiglio di sicurezza e capi dell’intelligence.

Il capo di stato ha osservato che gli Stati Uniti riforniscono di armi l’Ucraina nonostante i piani pubblici di Kiev per ottenere armi nucleari. Ha osservato che Mosca è a conoscenza dei piani di Kiev di utilizzare una “bomba sporca” e ha avvertito del pericolo che le armi di precisione spedite all’esercito ucraino cadano nelle mani dei terroristi.

Ecco le principali dichiarazioni rilasciate da Putin durante l’incontro citato dalla Tass.

Sull’Ucraina e la “bomba sporca”

L’Ucraina è diventata uno strumento della politica estera degli Stati Uniti: “Il Paese ha effettivamente perso la sua sovranità ed è ora direttamente controllato dagli Stati Uniti, che lo usano come ariete contro la Russia, contro il nostro Stato dell’Unione con la Repubblica di Bielorussia, e contro la CSTO e la CSI in generale.”

L’esempio di Kiev “mostra chiaramente il vero atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti dei loro satelliti”: il territorio ucraino è stato trasformato in un “campo di prova per esperimenti biologici militari” e ora “lo pompano con armi, comprese quelle pesanti, e chiudono un occhio al desiderio di Kiev di ottenere armi nucleari”. Nel frattempo, la Russia è a conoscenza dei piani dell’Ucraina di “usare una cosiddetta ‘bomba sporca’ per le provocazioni”.

Le spedizioni di armi in Ucraina creano serie sfide: più che semplici armi leggere possono arrivare in altri paesi dal territorio ucraino.

“I rischi che i criminali mettano le mani su armi più potenti, compresi i sistemi di difesa aerea missilistici portatili e le armi di precisione, permangono”, ha affermato Putin.

Sulla multipolarità e sui conflitti

Il potenziale di conflitto nel mondo in generale e nella regione della CSI rimane molto elevato: “Sono emersi nuovi rischi e sfide per la sicurezza collettiva; in primo luogo, questa è una conseguenza di una forte escalation dello stallo geopolitico globale”.

Il mondo sta cambiando e sta diventando multipolare, ma “alcune parti della comunicazione internazionale si sforzano di mantenere ad ogni costo la loro egemonia fallita”.

Essi “non evitano nemmeno il sabotaggio diretto”, come le esplosioni sui gasdotti Nord Stream, che “causano danni colossali all’economia europea” e “peggiorano notevolmente le condizioni di vita di milioni di persone”.

Sulla sicurezza della CSI

I tentativi di portare avanti una “rivoluzione colorata” e incitare conflitti armati che minacciano la sicurezza di tutti i membri della CSI continuano: “la tattica del ricatto, della pressione e dell’intimidazione è stata a lungo utilizzata da alcuni paesi in quasi tutto il Commonwealth”.

Intanto il pericolo dei gruppi terroristici – Isis, Al Qaeda (gruppi entrambi fuorilegge in Russia) e altri – non diminuisce: “cercano di infiltrarsi negli stati della CSI, creare cellule clandestine e concentrare militanti in Afghanistan – soprattutto vicino al confine con Gli stati dell’Asia centrale, ovviamente, comportano il rischio di un’invasione in questa regione”.

Gli Stati membri della CSI devono sviluppare la cooperazione nell’antiterrorismo, anche “concentrando gli sforzi sull’individuazione e l’eliminazione dei canali di infiltrazione terroristica sotto la copertura dei flussi migratori” e contrastare congiuntamente i tentativi di interferire nei loro affari interni: “per contrastarlo, dobbiamo di più rivelano attivamente e contrastano le operazioni delle agenzie di intelligence straniere volte a destabilizzare ogni singolo stato membro della CSI”.

È necessario garantire la massima protezione degli oggetti e dei luoghi di soggiorno di massa delle persone, come dimostrato dall’esplosione sul ponte di Crimea e dai tentativi di sabotaggio nella centrale nucleare di Kursk.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Falso in bilancio, si dimette l’intero Cda della Juventus

Dopo dodici anni lascia anche il presidente Andrea Agnelli. Gianluca Ferrero sarà il nuovo presidente. Alla base della decisione il coinvolgimento nell'indagine Prisma per falso in bilancio e dalle contestazioni della Consob

DALLA CALABRIA

Maltempo, grossa frana a Maratea, chiusa la statale 18

Una "grande frana" - con detriti e massi che hanno raggiunto il mare sottostante - si è staccata stamani,...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER