14 Aprile 2024

Un’altra forte scossa in Turchia, magnitudo 7.6. Ancora crolli, morti, feriti e dispersi

Altre repliche fino a oltre 6. Le due scosse sono indipendenti fra loro, ha detto un esperto della protezione civile turca. Popolazione stremata e impaurita. Allestite tende per ospitare migliaia di sfollati. Terrore anche in Siria

Correlati

La Turchia (con la Siria) sta vivendo l’apocalisse. Un’altra devastante scossa di magnitudo 7,6 è stata infatti registrata alle 12:24 (ora locale), in Turchia, nell’Elbistan, ad un centinaio di km più a Nord dall’epicentro di Gaziantep, sempre nel distretto di Kahramanmaras dove stanotte si è verificato il potentissimo sisma di magnitudo 7.9, al confine turco-siriano. La scossa ha avuto repliche fino a 5.4.

Ingentissimi i danni e i crolli, nonché ancora vittime, feriti e dispersi che vanno ad aggiungersi agli oltre 1.500 morti registrati nell’area del primo terremoto, secondo un bilancio provvisorio. Ci vorranno giorni o settimane per accertare il bilancio preciso. Gli sfollati sono migliaia. La prima forte scossa è avvenuta nel cuore della notte sorprendendo gli abitanti nel sonno.

Il governo turco fa sapere in una nota che “finora è giunta la segnalazione di un totale di 2.824 edifici crollati” per il violentissimo terremoto che ha colpito le zone tra la Turchia e la Siria. Al momento non è dato sapere quanti edifici siano crollati del sisma di stamane nell’Elbistan.

Orhan Tatar, direttore generale della riduzione del rischio di terremoti dell’AFAD, ha dichiarato che “un altro terremoto di 7,6 ha colpito l’Elbistan. Sisma che “si è verificato all’interno dei confini di Kahramanmaraş. Entrambe le scosse sono indipendenti l’uno dall’altra, innescandosi a vicenda”. ha detto.

Tatar ha osservato che dopo questo terremoto si sono verificate più di 100 scosse di assestamento, di cui 3 superiori a 6. Affermando che la più forte delle scosse di assestamento è stata registrata come 6.6″.

“Un altro terremoto di magnitudo 7,6, centrato nell’Elbistan, si è appena verificato nella stessa regione, entro i confini di Kahramanmaraş. Entrambi sono terremoti indipendenti che si innescano a vicenda. Il punto più importante è che nella regione c’è una grave attività sismica . Queste scosse di assestamento esistono da molto tempo. Dopo una scossa principale così forte, dopo scosse principali fino a 7,7-7,6, continueranno nella regione scosse di assestamento fino a magnitudo 6,7-6,5. Stimiamo che continueranno per almeno un anno dopo il terremoto (di stanotte e stamani). Pertanto, la questione più importante qui è che chiediamo ai nostri cittadini di non entrare negli edifici danneggiati”.

Tatar ha sottolineato che gli edifici che non sono stati distrutti dopo scosse di assestamento di magnitudo 5.0-6.0 potrebbero essere danneggiati da scosse di assestamento di magnitudo 5.0 e superiori.

Tatar ha avvertito i cittadini “di non vivere in edifici danneggiati e di stare lontani da questi” e ha affermato che i cittadini dovrebbero essere in altre aree” dove si stanno allestendo tendopoli per la popolazione sfollata e che ha perso tutto.

La catena di solidarietà internazionale. In arrivo aiuti umanitari,  squadre di soccorso e volontari in supporto a turchi e siriani

Balazs Ujvari, uno dei portavoce della Commissione Ue citato dall’agenzia Anadolu, ha rilasciato una dichiarazione sui terremoti di 7.9 e 7.6 a Kahramanmaras, durante la conferenza stampa quotidiana.

Ujvari ha riferito di aver mobilitato più di 10 squadre di ricerca e soccorso urbane provenienti da vari paesi membri.

Affermando che gli aiuti da inviare da Bulgaria, Croazia, Cechia, Francia, Grecia, Paesi Bassi, Polonia e Romania sono stati finora approvati, Ujvari ha affermato che anche Ungheria, Italia, Spagna, Malta e Slovacchia hanno offerto assistenza.

Finora 13 paesi hanno inviato aiuti, ha sottolineato Ujvari aggiungendo che la situazione continua a evolversi. Ujvari ha anche affermato che l’UE ha anche attivato il sistema satellitare Copernicus per fornire servizi di mappatura di emergenza alle autorità turche e che la comunicazione tra le autorità continua.

Janez Lenarcic, membro della Commissione europea responsabile per la gestione delle crisi, la protezione civile e gli aiuti umanitari, aveva precedentemente annunciato che 10 paesi avrebbero inviato squadre di soccorsi.

Siria

Sottolineando che il terremoto ha colpito anche una vasta area in Siria e ha causato vittime, Ujvari ha sottolineato che l’UE non ha ricevuto finora alcuna richiesta di sostegno dalle autorità siriane e che sono pronte ad aiutare se lo chiedono.

Ujvari ha osservato che per ora l’UE sta solo valutando gli aiuti che possono essere forniti attraverso i meccanismi di aiuto umanitario esistenti.

Continuano ad arrivare offerte di aiuti dall’Europa

Anche i funzionari europei continuano ad esprimere la loro disponibilità ad aiutare la Turchia a causa del terremoto.

Il ministro ungherese degli Affari esteri e del commercio estero Peter Szijjarto, nel video che ha condiviso su Facebook, ha affermato che il popolo turco è amico del popolo ungherese e che una squadra di 50 persone dall’Ungheria è pronta a partire se la Turchia ne avrà bisogno.

Il primo ministro portoghese Antonio Costa su Twitter, “Il Portogallo sarà solidale e pronto ad aiutare in coordinamento con i nostri partner.”, Il primo ministro ceco Petr Fiala ha dichiarato che “la Repubblica Ceca aiuterà la Turchia con una squadra di ricerca e salvataggio di 68 persone. Squadre partiranno oggi alle 14.00”

Il presidente slovacco Zuzana Caputova ha detto che il suo paese è pronto ad aiutare. Il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna: “Su richiesta del presidente Emmanuel Macron, la Francia sta inviando squadre di ricerca e soccorso in Turchia. Le squadre di soccorso dovrebbero partire nelle prossime ore”.

Il ministro dell’Interno tedesco Nancy Faeser ha dichiarato: “Siamo profondamente scioccati dalla notizia del grave terremoto che si è verificato in Turchia e Siria e ha causato molti morti e feriti. Ho appena incontrato Ahmet Başar Şen, ambasciatore della Turchia a Berlino, e ho espresso il nostro più profondo “Siamo addolorati per le persone che sono state profondamente colpite da questo terribile disastro naturale. I nostri pensieri sono con le famiglie di coloro che hanno perso la vita. Piangiamo con i nostri amici turchi e siamo con loro in queste terribili ore”. disse.

Affermando che la Germania mobiliterà tutto l’aiuto possibile, Faeser ha dichiarato: “THW (organizzazione umanitaria tedesca) può fornire rifugi di emergenza e unità per il trattamento dell’acqua nei campi. THW sta attualmente preparando materiali di aiuto costituiti da generatori di emergenza, tende e coperte.

Nella dichiarazione rilasciata dal Ministero greco per la crisi climatica e la protezione civile, è stato notato che 21 vigili del fuoco e due cani da ricerca e soccorso dell’Unità speciale di risposta ai disastri (EMAK) dalla Grecia partiranno tra poche ore con veicoli speciali da utilizzare in ricerca e soccorso.

Nel comunicato si precisa che la squadra sarà accompagnata da un ingegnere senior operante nei Vigili del Fuoco, specializzato nel sostenere gli edifici crollati.

Secondo la dichiarazione, l’intero team partirà dall’aeroporto di Elefsina vicino ad Atene su un aereo C-130.

Il ministero dell’Interno bulgaro e l’Organizzazione della Croce Rossa bulgara (BÇK) hanno annunciato che invieranno aiuti di emergenza e squadre in Turchia.

Nel comunicato del ministero dell’Interno è stato annunciato che la squadra di soccorso esperta di 58 persone delle unità dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile si trasferirà in Turchia, e la squadra si recherà con 20 mezzi attrezzati per i soccorsi.

BÇK ha inoltre affermato di essere pronta a inviare 1000 set di biancheria da letto composti da letti, cuscini, coperte, lenzuola, asciugamani e altri oggetti utili alla popolazione, oltre ad un supplemento di aiuti composto da 300 set da cucina, 300 tende di tipo familiare, 300 riscaldatori, 1000 materassi e 3000 coperte sarà preparato dal deposito di aiuti di emergenza istituito con la Mezzaluna Rossa turca in Bulgaria.

È stato affermato che se la parte turca lo riterrà opportuno, una squadra di soccorso di 12 persone e 5 cani addestrati potrà essere inviata in Turchia.

Il primo ministro albanese Edi Rama ha anche dichiarato: “Siamo profondamente rattristati dalle notizie sul devastante terremoto che ha colpito parti della Turchia e della Siria questa mattina. Una squadra di ricerca e soccorso partirà oggi per la Turchia”.

In una dichiarazione scritta della squadra olandese di ricerca e soccorso urbano, “un aereo cargo contenente veicoli di soccorso pesanti da 15 tonnellate e altri rifornimenti dovrebbe partire da Eindhoven verso la Turchia nel pomeriggio. Inoltre, 65 persone e 8 cani da soccorso saliranno su un aereo il cui tempo di volo non è ancora stato determinato”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)