1 Aprile 2023

Georgia, Lavrov: “Tentato colpo di Stato” come in Ucraina. Due pesi e due misure con Moldavia

Il ministro degli Esteri russo a tutto campo sulle proteste a Tbilisi e Chisinau, la prima sostenuta dall'occidente, la seconda no perché è contro il governo sostenuto da Usa e Ue. In Georgia proteste "orchestrate dall'estero". Infine sui negoziati con l'Ucraina: Secondo il diplomatico "la Russia attualmente non vede alcuna opportunità di impegnarsi con l'Ucraina a causa della posizione di Kiev"

Correlati

- Advertisement -

“L’Occidente sta adottando un approccio diverso alle proteste in Georgia e Moldavia perché l’opposizione in Moldavia non soddisfa gli interessi occidentali, ha detto venerdì il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov citato da Tass. Due pesi e due misure.

Il ministro russo nota somiglianze tra il colpo di Stato in Ucraina del 2014 (noto anche come la “rivoluzione” arcobaleno finanziata da Soros e dall’occidente) e le proteste odierne filo-Ue a Tblisi – capitale della Georgia, paese che confina a sud con la Russia in predicato (remoto) di entrare nell’Ue -, e in Moldavia, la cui opposizione in protesta non è filo-occidentale, mentre lo è il governo a Chisinau. Il diplomatico in Georgia vede sforzi  “orchestrati dall’estero” (Usa e Ue), con cui si ambisce ad un accerchiamento totale della Federazione russa.

Secondo Lavrov, i paesi vicini alla Russia dovrebbero decidere da soli quanto sia pericoloso essere risucchiati nella “sfera di influenza” degli Stati Uniti. Ha anche osservato che, commentando l’operazione speciale della Russia in Ucraina, l’Occidente ammette apertamente che era in gioco la sua egemonia negli affari globali. “Quando gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO commentano ciò che sta accadendo in Ucraina e la nostra operazione militare speciale, chiedono che venga inflitta alla Russia una sconfitta strategica sul campo di battaglia, ammettendo apertamente che si tratta di un conflitto esistenziale, il cui esito sarà determinare gli interessi di sicurezza globale dell’Occidente e, per dirla semplicemente, questo è ciò da cui dipende il futuro dell’egemonia e del dominio dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti negli affari globali”, ha concluso l’alto diplomatico russo.

Migliaia di manifestanti sono scesi nelle strade della capitale georgiana di Tbilisi il 7-8 marzo dopo che i legislatori avevano approvato la prima lettura di un disegno di legge sugli agenti stranieri. Oltre 130 persone sono state arrestate nei due giorni di proteste. Il partito al governo ha deciso di ritirare il disegno di legge il 9 marzo. A febbraio, il parlamento del paese ha registrato una versione georgiana del disegno di legge sugli agenti stranieri e una traduzione della legge statunitense sugli agenti stranieri. Secondo la versione georgiana, i media possono essere designati come agenti stranieri, ma l’iniziativa non riguarda le persone fisiche. La versione statunitense si applica sia alle entità che agli individui e introduce anche la responsabilità penale. Le iniziative hanno suscitato forti critiche sia dall’opposizione che dai politici occidentali.

“Non c’è dubbio – spiega Lavrov – che la legge sulla registrazione delle organizzazioni non governative era solo un pretesto per iniziare un tentativo di cambiare il governo con la forza”, ha detto Lavrov in un’intervista a Russian Pervy TV.

Secondo Lavrov, Stati Uniti, Francia, India e Israele hanno una legislazione simile e negli Stati Uniti la punizione è “molto più severa”, sugli agenti spia.

“Tuttavia, nonostante il fatto che in un certo numero di paesi europei esistano norme simili, il signor Borrel, ha affermato che la legge che i georgiani stanno promuovendo contraddice i valori europei e blocca il percorso dell’adesione della Georgia all’Unione Europea. In generale, appare ovvia l'”ipocrisia”, ha detto il ministro, in riferimento al capo della politica estera dell’UE Josep Borrel.

Lavrov ha confrontato le proteste in Georgia e in Moldavia e ha affermato che in Georgia l’Occidente sostiene l’opposizione perché promuove gli interessi occidentali, mentre in Moldavia l’Occidente ha “condannato” le proteste della minoranza perché lì il governo e il presidente rappresentano gli interessi occidentali.

“Due situazioni simili con proteste si stanno svolgendo davanti ai nostri occhi e, tra l’altro, le proteste a Tbilisi sono state tutt’altro che pacifiche, come abbiamo potuto vedere, le auto sono state ribaltate e i manifestanti hanno usato gas lacrimogeni e fumogeni.

“Non ricordo questo a Chisinau, ma anche se fosse un’azione simile, l’atteggiamento nei suoi confronti è fondamentalmente diverso”, ha detto. Secondo Lavrov, gli eventi in corso in Georgia “vengono orchestrati dall’esterno” con l’obiettivo di creare “irritazioni ai confini della Russia”. “E irritante in un paese in cui l’attuale governo non è affatto ‘filo-russo'”, ha detto Lavrov. L’Occidente, fra l’altro, vuole mettere Cina e India l’una contro l’altra.

La Russia non vede possibilità di colloqui con l’Ucraina data la posizione di Kiev

La Russia attualmente non vede alcuna opportunità di impegnarsi con l’Ucraina a causa della posizione di Kiev, ha detto venerdì ancora il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in riferimento ai negoziati di pace.

“Abbiamo detto che non stiamo eludendo i negoziati non perché li abbiamo implorati di negoziare. Al momento, non vediamo alcuna possibilità di tenere colloqui, ma lo stiamo semplicemente sottolineando in mezzo a un’ondata continua di dichiarazioni al effetto di `quanto sia grave che la Russia sia riluttante a impegnarsi'”, ha detto il massimo diplomatico russo in un’intervista al programma di affari pubblici “Bolshaya Igra” (“Il grande gioco”) sulla televisione Channel One.

“Qualcuno ha letto quello che [il presidente ucraino Volodimir] Zelensky ha detto? Qualcuno ricorda il decreto che ha firmato a settembre che vieta qualsiasi colloquio?”, si è chiesto il massimo diplomatico russo riferendosi al rifiuto di Zelensky di negoziare con il leader russo Vladimir Putin.

“Devi aver sentito le ultime dichiarazioni. Ebbene, Zelensky sta mostrando segni di arretramento?”, ha chiesto Lavrov. Secondo il ministro degli Esteri russo, Zelensky ha dichiarato che non si sarebbe mai seduto al tavolo dei negoziati con Putin, e che l’Ucraina avrebbe avuto la sua vittoria qualunque cosa accada, e che aveva alleati altrove e altre sedi in cui avrebbe deciso il suo paese futuro”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

“Non mi sento bene”, poi perde i sensi. Un infarto stronca la vita di “Dj Papi”

Un uomo di 53 anni, Nicola Alfonsi, noto anche come "Dj Papi", è morto a 53 anni stroncato da...

DALLA CALABRIA

A Sibari i reperti archeologici della necropoli di Thurii. Al via “Mnemosyne. La Memoria e la Salvezza”

Presentato giovedì 30 marzo 2023 il progetto lanciato dalla Soprintendenza ABAP di Cosenza e dal Parco archeologico: gli interventi di scavo e restauro di una sepoltura scoperta nella necropoli dell’antica Thurii diventano oggetto di un laboratorio-cantiere aperto al pubblico con finalità didattico-scientifica

I misteri del Covid, dei Vaccini e delle Morti improvvise

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER