16 Aprile 2024

Nazioni Unite: “Per ricostruire l’Ucraina si stimano costi per 411 miliardi di dollari”

Lo indicano le previsioni contenute nel rapporto delle Nazioni unite sulla "Situazione economica mondiale e prospettive a metà del 2023". Viene in sostanza anche sottolineato come siano irrilevanti le sanzioni alla Russia. "Nel 2024 l'economia della Federazione russa tornerà a crescere"

Correlati

È probabile che l’economia ucraina ristagni nel 2023, nonostante i prestiti del Fondo monetario internazionale e l’assistenza finanziaria internazionale, il costo della ripresa ad oggi è stimato a 411 miliardi di dollari. Lo afferma il rapporto delle Nazioni Unite “Situazione e prospettive dell’economia mondiale”, diffuso martedì e citato dalla Tass.

“L’economia dell’Ucraina ha perso gran parte della sua capacità industriale e delle infrastrutture energetiche a causa della guerra e si è contratta del 29,1% nel 2022. Nonostante l’assistenza finanziaria esterna, compreso un prestito del Fmi e il sostegno al bilancio dell’Unione europea e degli Stati Uniti, è probabile che l’economia ristagni nel 2023. Le prospettive a lungo termine per l’Ucraina dipenderanno dalla durata e dall’intensità della guerra e dalla sua capacità di finanziare la ricostruzione, con stime dei costi di ricostruzione elevate a 411 miliardi di dollari”, afferma il rapporto. In altri paesi della CSI e in Georgia, la dinamica dello sviluppo economico è positiva.

“Gli esportatori di energia della regione – compresi Azerbaigian e Kazakistan – beneficeranno dell’aumento dei prezzi del petrolio derivante dall’accordo OPEC+. Dopo una contrazione dell’1,9% nel 2022, il PIL aggregato della CSI e della Georgia dovrebbe espandersi del solo lo 0,6% nel 2023. Si prevede che la crescita acceleri al 2,2% nel 2024”, afferma il documento dell’Onu.

Irrilevanti le sanzioni alla Russia. Onu: “Nel 2024 tornerà a crescere”

La contrazione dell’economia russa nel 2023 sarà insignificante e nel 2024 tornerà a crescere. Lo afferma il rapporto delle Nazioni Unite “Situazione economica mondiale e prospettive a metà del 2023” pubblicato martedì.

“Si prevede che l’economia russa si ridurrà marginalmente nel 2023, prima di tornare a un percorso di crescita a medio termine basso nel 2024”, afferma il rapporto delle Nazioni unite.

Gli autori del rapporto – scrive la Tass – non forniscono indicatori specifici, riferendosi alla difficoltà di previsione nel contesto del conflitto in corso in Ucraina.

Secondo il rapporto della Banca di Russia pubblicato a maggio, un livello più elevato di attività di consumo e di investimento nel periodo gennaio-marzo di quest’anno, nonché la disoccupazione che rimane vicina ai livelli minimi, consentono di migliorare le previsioni sui tassi di crescita del PIL nel 2023 allo 0,5-2,0%.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)