18 Aprile 2024

Kissinger: “Non solo la Russia, ma anche l’Occidente è responsabile del conflitto ucraino”

Secondo l'ex segretario di Stato Usa “l'Ucraina non dovrebbe essere assorbita dalla Nato, ma essere neutrale. Non dovrebbe essere un avamposto dell'Occidente o di Mosca, ma un ponte tra le due parti. Sarebbe il miglior obiettivo strategico", ha detto in una intervista al quotidiano tedesco Die Zeit. Il mondo in futuro sarà "molto turbolento", ha ammesso

Correlati

“Il mio rapporto con Putin era puramente strategico e concettuale”, ricorda in un’intervista al quotidiano tedesco Die Zeit Henry Kissinger, ex segretario di Stato e consigliere per la sicurezza di due presidenti degli Stati Uniti. In precedenza, aveva parlato con il presidente russo della situazione in Jugoslavia, dell’intervento della NATO in Kosovo nel 1999, e uno degli aspetti è sempre stato quello di preservare la dignità della Russia. Quindi le conversazioni con Vladimir Putin sono diventate quasi regolari e si sono svolte una volta all’anno. Tuttavia, dopo l’inizio dell’operazione militare speciale russa in Ucraina, Kissinger non ha avuto la possibilità di parlare con il leader russo.

Secondo Kissinger (che ha da poco compiuto 100 anni), con il consenso del governo degli Stati Uniti, assumerebbe la mediazione nel conflitto tra Russia e Ucraina se Mosca o Kiev gli chiedessero di farlo, ma è improbabile che ciò accada. Secondo Kissinger, per Vladimir Putin, l’Ucraina è “un simbolo dell’umiliazione della Russia”. A questo proposito, l’ex Segretario di Stato americano osserva: “A proposito, non credo che tutta la colpa sia di Putin”.

L’ex segretario di Stato Usa ha espresso seri dubbi sul piano di invitare l’Ucraina ad aderire alla NATO già nel 2014. Questo segnò l’inizio di una serie di eventi che culminarono nelle ostilità. Ciò non giustifica il conflitto armato agli occhi di Kissinger, ma è sicuro che sia irragionevole collegare l’ammissione di tutti i paesi dell’ex blocco orientale alla Nato con un invito all’adesione anche dell’Ucraina all’alleanza.

Quindi la NATO ha deciso di non accettare l’Ucraina, ma l’opportunità è rimasta aperta. Dal punto di vista di Kissinger, l’Ucraina avrebbe fatto meglio a rimanere neutrale, con uno status simile a quello della Finlandia all’epoca – ” perché c’è una differenza significativa se il confine tra la zona di sicurezza europea e quella russa corre lungo il confine occidentale di Ucraina, a circa 300 miglia da Varsavia, o lungo il confine orientale dell’Ucraina, a circa 300 miglia da Mosca. Secondo lui, “l’Ucraina non dovrebbe essere un avamposto dell’Occidente o di Mosca, ma un ponte tra le due parti. Sarebbe il miglior obiettivo strategico”.

Per quanto riguarda la possibilità di utilizzare armi nucleari, Kissinger ritiene che sarebbe estremamente pericoloso per la Russia. In un’intervista a Die Zeit, osserva che non può essere un consigliere dell’intero Occidente, ma le misure che dovrebbero essere prese devono essere abbastanza forti da far capire che le armi nucleari non potranno mai essere una soluzione ai problemi politici. Se viene applicato una volta, sarà un punto di svolta, un momento irreversibile. Ciò porterebbe all’armamento nucleare di tutti gli stati. Quindi le armi nucleari diventeranno un luogo comune. “Credo che Putin non utilizzerà armi nucleari per scopi tattici in Ucraina”, ha aggiunto Kissinger.

Un’altra cosa è se c’è una minaccia per il territorio russo, ad esempio Sebastopoli. Più il conflitto tocca “l’essenza dell’identità russa”, più è probabile che la Russia utilizzi armi nucleari, ritiene l’ex consigliere per la sicurezza statunitense. Allo stesso tempo, ha spiegato: “Direi che Sebastopoli ha meno a che fare con l’identità dell’Ucraina rispetto a molte altre aree di cui si sta ora discutendo”. Ha anche aggiunto che Sebastopoli è rimasta una base navale russa anche dopo che l’Ucraina ha ottenuto l’indipendenza.

Inoltre, Kissinger ha affermato che non vorrebbe vedere il presidente Putin alla corte dell’Aia – “perché è impossibile, o molto più difficile, limitare la guerra se si collega il suo esito al destino personale di un leader politico”. Ciò che Putin sta facendo, secondo Kissinger, è illegale e sbagliato. “Ma dobbiamo fare di tutto per impedire il dilagare della guerra”, ha sottolineato. E deve essere garantito che le ostilità non continuino indefinitamente dopo la fine di un conflitto. L’obiettivo politico dell’Occidente dovrebbe essere quello di ristabilire le relazioni tra Europa e Russia non appena sarà raggiunta la sicurezza militare dell’Ucraina, ha esortato Kissinger in un’intervista a Die Zeit.

Il mondo moderno è multipolare e un certo numero di stati non europei sta diventando una potenziale minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti, ha affermato. La grande domanda sarà se l’America si preoccupa dei rischi per la sicurezza globale che Trump e il suo popolo ritengono non siano nell’interesse nazionale immediato. Ad esempio, questo vale per l’Ucraina. Come sottolinea Kissinger, la sua posizione su questo tema è diversa da quella di Trump. Se l’operazione speciale della Russia in Ucraina avrà successo, “l’intero concetto della NATO sarà gettato a mare. Non può essere nell’interesse nazionale degli Stati Uniti”.

Nel frattempo, l’amministrazione Biden, secondo Kissinger, sta ora compiendo sforzi concreti per ripristinare le relazioni con la Cina, che mantiene, anche se è ancora difficile dire dove porteranno. “Uno scontro militare tra queste due potenze sarebbe una terribile catastrofe, peggiore della prima guerra mondiale. Entrambi i poteri sono high-tech, entrambi hanno armi di potere distruttivo illimitato”, ha detto Kissinger in un’intervista a un quotidiano tedesco. Ora stanno emergendo nuove tecnologie che aprono nuove opportunità, quindi entrambe le parti devono procedere con la massima cautela. Vede il pericolo di un’escalation delle tensioni, in particolare nel conflitto su Taiwan.

“Oggi, per la prima volta nella storia, due potenze sono in diretto confronto, entrambe in grado di distruggere completamente il mondo”, avverte Kissinger. A suo avviso, capi di stato veramente saggi si sarebbero resi conto di questo pericolo: “Direbbero: noi due, siamo la più grande minaccia per il futuro dell’umanità”. Invita all’azione, perché se la crisi continua a crescere, il mondo si troverà in una situazione, come prima della prima guerra mondiale – ” allora qualche evento assurdo porterà inesorabilmente ad un aggravamento della situazione”.

In generale, il mondo in futuro sarà “molto turbolento”, ha ammesso Kissinger in un’intervista al quotidiano tedesco Die Zeit.

Fonte:RT

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)