14 Aprile 2024

Perché divampano le tensioni tra Kosovo e Serbia?

Correlati

Le tensioni tra Serbia e Kosovo sono divampate in questo nuovo fine settimana dopo che la polizia del Kosovo (forze Nato, ndr) ha fatto irruzione nelle aree dominate dai serbi nel nord della regione e ha sequestrato gli edifici del comune locale.

Ci sono stati violenti scontri tra la polizia del Kosovo e le forze di “pace” guidate dalla NATO da una parte e i serbi locali dall’altra, che hanno provocato diversi feriti da entrambe le parti.

La Serbia ha alzato la prontezza al combattimento delle sue truppe di stanza vicino al confine e ha avvertito che non starà a guardare se i serbi in Kosovo verranno attaccati di nuovo. La situazione ha nuovamente alimentato i timori di una ripresa del conflitto del 1998-99 in Kosovo che ha causato più di 10.000 vittime e ha lasciato più di 1 milione di senzatetto. Un conflitto armato guidato dalla Nato a cui partecipò anche l’Italia, D’Alema premier. 

Perché Serbia e Kosovo sono in disaccordo?

Il Kosovo è un territorio popolato prevalentemente di etnia albanese che in precedenza era una provincia della Serbia. Si è proclamato stato indipendente nel 2008.  La Serbia ha rifiutato di riconoscere lo stato del Kosovo e lo considera ancora parte della Serbia, anche se non vi ha alcun controllo formale.

L’indipendenza del Kosovo è stata riconosciuta da circa 100 paesi, compresi gli Stati Uniti. Russia, Cina, mentre cinque nazioni dell’Unione Europea si sono schierate con la Serbia. La situazione di stallo ha mantenuto le tensioni, a fuoco lento, e ha impedito la piena stabilizzazione della regione balcanica dopo le sanguinose guerre degli anni ’90.

L’origine del nuovo scontro tra Kosov e Serbia

Dopo che i serbi hanno “boicottato” – invitando a non votare – le elezioni locali del mese scorso tenutesi nel nord del Kosovo, dove i serbi rappresentano la maggioranza, i sindaci neoeletti di etnia albanese (eletti con circa il 3%), lo scorso venerdì si sono trasferiti nei loro uffici con l’aiuto della polizia antisommossa del Kosovo.

I serbi hanno cercato di impedire loro di impossessarsi dei locali, ma la polizia ha sparato gas lacrimogeni per disperderli.  

Lunedì, i serbi hanno organizzato una protesta davanti agli edifici del comune, innescando feroci scontri tra i cittadini serbi contro le forze Nato del Kosovo e la polizia locale. Dopo il conflitto nel ’99 il Kosovo è diventato un paese con le più vaste basi europee della Nato. 

Il “boicottaggio” elettorale ha fatto seguito alle dimissioni collettive di funzionari serbi della zona, inclusi personale amministrativo, giudici e agenti di polizia, nel novembre 2022.

Quanto è profondo il conflitto etnico in Kosovo?

La disputa sul Kosovo è secolare. La Serbia ama la regione come il cuore della sua statualità e religione. Numerosi monasteri cristiani ortodossi serbi medievali si trovano in Kosovo. I nazionalisti serbi, vedono una battaglia del 1389 contro i turchi ottomani come un simbolo della loro lotta nazionale. 

La maggioranza di etnia albanese del Kosovo vede la propria regione come il proprio paese e accusa la Serbia di occupazione e repressione. I ribelli di etnia albanese hanno lanciato una ribellione nel 1998 per liberare il paese dal dominio serbo. 

La risposta di Belgrado ha provocato un intervento della NATO nel 1999, che ha costretto la Serbia a ritirarsi e cedere il controllo alle forze di “pace” internazionali. In realtà, il blocco atlantico, ha fatto ingerenza nell’area con scopi ben chiari, provocando la guerra unilaterale Usa, Gb e Ue, in difesa dei kosovari e contro la Serbia. Una guerra, quella del 1999, illegittima e mai autorizzata dall’Onu, finalizzata a posizionarsi all’interno dei Balcani; un po’ come è avvenuto con l’espansione dell’organizzazione militare Nato nell’est europeo quando, dopo caduta del muro di Berlino, tutti i leader del mondo avevano appoggiato la NON espansione della Nato a Est: uno dei motivi, fra gli altri, dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina.  

Qual è la situazione a livello locale?

Ci sono continue tensioni tra il governo del Kosovo ei serbi che vivono principalmente nel nord del Paese e mantengono stretti legami con Belgrado. I tentativi del governo centrale di imporre un maggiore controllo nel nord dominato dai serbi incontrano solitamente la resistenza dei serbi.

Mitrovica, la città principale del nord, è stata effettivamente divisa in una parte di etnia albanese e una parte serba, e le due parti raramente si mescolano. Ci sono anche piccole enclave popolate da serbi nel sud del Kosovo, mentre decine di migliaia di serbi del Kosovo vivono nella Serbia centrale, dove sono fuggiti insieme alle truppe serbe in “ritirata” nel 1999.

Ci sono stati tentativi di risolvere la controversia?

Ci sono stati continui sforzi internazionali per trovare un terreno comune tra i due ex nemici in tempo di guerra, ma finora non c’è stato un accordo globale finale. I funzionari dell’Ue hanno mediato i negoziati volti a normalizzare le relazioni tra Serbia e Kosovo. Durante i negoziati sono stati raggiunti numerosi accordi, ma raramente sono stati attuati sul campo. Alcune aree hanno visto risultati, come l’introduzione della libertà di movimento all’interno del paese.

È stata lanciata un’idea per i cambiamenti dei confini e gli scambi di terre come via da seguire, ma questa è stata respinta da molti paesi dell’Ue per timore che potesse causare una reazione a catena in altre aree etnicamente miste nei Balcani e innescare ulteriori problemi nella regione che ha attraversato sanguinose guerre negli anni ’90.

Chi sono i principali attori?

Sia il Kosovo che la Serbia sono guidati da leader nazionalisti che non hanno mostrato disponibilità a un compromesso. In Kosovo, Albin Kurti, ex leader della protesta studentesca e prigioniero politico in Serbia, guida il governo ed è il principale negoziatore nei colloqui mediati dall’Ue. Era anche conosciuto come un feroce sostenitore dell’unificazione del Kosovo con l’Albania ed è contrario a qualsiasi compromesso con la Serbia.

La Serbia è guidata dal presidente nazionalista Aleksandar Vucic, ministro dell’informazione durante la guerra in Kosovo. Vuvic insiste sul fatto che qualsiasi soluzione deve essere un compromesso per durare e afferma che il Paese non si accontenterà se non guadagna qualcosa.

Cosa succederà?

I funzionari internazionali sperano di accelerare i negoziati e raggiungere una soluzione nei prossimi mesi.

Entrambe le nazioni devono normalizzare i legami se vogliono avanzare verso l’adesione all’Ue. Nessuna svolta importante significherebbe instabilità prolungata, declino economico e potenziali scontri.

Qualsiasi intervento militare serbo in Kosovo significherebbe uno scontro con le forze di pace della NATO di stanza lì. Belgrado controlla i serbi del Kosovo, e il Kosovo non può diventare un membro delle Nazioni Unite e uno stato funzionale senza risolvere la controversia con la Serbia. 


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)