29 Febbraio 2024

Putin: “Controffensiva un fallimento. La NATO se ne faccia una ragione. E’ la fine del neocolonialismo”

Al Forum economico di San Pietroburgo il presidente della Federazione russa attacca l'occidente: "E' coinvolto a pieno titolo nel conflitto fornendo armamenti al regime di Kiev". Il capo dello Stato ha accusato le autorità ucraine di glorificare i neonazisti: "I neonazisti, discendenti di Hitler, sono stati eretti sul podio come eroi dell'Ucraina di oggi. L'Olocausto è lo sterminio di sei milioni di ebrei. Un milione e mezzo sono stati uccisi in Ucraina, e soprattutto per mano di Bandera", divenuto eroe ucraino

Correlati

Il Presidente russo Vladimir Putin, nel suo tradizionale discorso alla riunione dello SPIEF (Forum economico internazionale di San Pietroburgo), non ha parlato solo di economia. Ha prestato attenzione all’operazione militare speciale in Ucraina, alla controffensiva delle forze armate ucraine e alle azioni aggressive dell’Occidente.

Secondo Putin – riporta Ria Novosti -, la NATO è sempre più coinvolta nel conflitto, ma Mosca non ha bisogno di rispondere con armi nucleari. Almeno per ora. Il capo dello stato ha anche parlato dei cambiamenti nell’ordine mondiale e del ruolo della Russia in esso.

Sul superamento degli ostacoli
Putin ha innanzitutto ricordato che il secondo trimestre del 2022 è stato il più difficile: “Le circostanze, il solito ordine commerciale, gli insediamenti e la logistica stavano cambiando rapidamente, quando, di fatto, l’intero tessuto degli affari e della vita economica veniva ridisegnato.”

Tuttavia, la strategia scelta dallo stato e dalle imprese russe ha funzionato. “Le tendenze macroeconomiche positive stanno guadagnando slancio e forza”, ha affermato il presidente.
Il PIL è cresciuto del 3,3% in termini annui, il paese è rimasto tra le principali economie del mondo, anche se il sentiment era diffidente. “In tali condizioni, era di fondamentale importanza dare un punto d’appoggio alle imprese, rafforzare la fiducia nella politica perseguita”, che ha avuto successo, ha detto Putin.

“Abbiamo mantenuto una politica di bilancio e monetaria responsabile ed equilibrata. La loro efficace combinazione ci ha permesso di raggiungere i livelli minimi di disoccupazione, così come l’inflazione, che ora è più bassa in Russia che in molti paesi occidentali – sia nell’area dell’euro che in altre regioni ed è vicino al minimo storico – 2,9 per cento”, ha detto il capo dello Stato. La spesa per la difesa è aumentata, principalmente a causa della necessità di proteggere la sovranità statale. Ma, secondo il presidente, ha avuto anche un effetto positivo sull’economia.

Sulla glorificazione dei neonazisti
Putin ha prestato particolare attenzione alle questioni di difesa. Commentando l’andamento della controffensiva ucraina, il presidente ha ricordato che la guerra nell’est dell’Ucraina nel 2014 è iniziata con la partecipazione diretta degli stati occidentali. Ed è stato proprio il rifiuto di quei paesi da una soluzione pacifica che ha portato la Russia alla decisione di porre fine al conflitto. “Non siamo stati noi a guidare i nostri partner per il naso”, ha detto Putin, riferendosi alla storia degli accordi di Minsk, “siamo stati costretti a usare le forze armate”.

Il capo dello Stato ha accusato le autorità ucraine di glorificare i neonazisti: “I neonazisti, discendenti di Hitler, sono stati eretti sul podio come eroi dell’Ucraina di oggi. L’Olocausto e lo sterminio di sei milioni di ebrei. Un milione e mezzo sono stati uccisi in Ucraina, e soprattutto per mano di Bandera”, divenuto l’eroe dell’Ucraina.

Putin ha anche citato i documenti dei nazionalisti ucraini del 1939-1941, in cui si dice: “Mosca e gli ebrei sono i più grandi nemici dell’Ucraina”. Ha notato di aver letto le testimonianze di un uomo di Bandera dopo la Grande Guerra Patriottica, dove ha parlato dell’esecuzione di una famiglia ebrea: “È impossibile leggere senza un nodo alla gola… Questi sono quelli che oggi sono gli eroi dell’Ucraina. Questi sono coloro che le autorità ucraine di oggi proteggono personalmente con la loro ideologia. Come puoi non combatterlo? Dobbiamo combatterlo!”.

Contemporaneamente all’Ucraina, anche i paesi occidentali stanno cercando di sconfiggere la Russia sul campo di battaglia. Tuttavia, ciò non contribuisce al successo delle forze armate ucraine.

“Tutto (le armi delle forze armate ucraine) è stato portato dall’esterno, ma non lo avrai per così tanto tempo”, ha spiegato il presidente. La questione non è come procede ora la controffensiva in un settore o nell’altro. È importante che Kiev non abbia raggiunto i suoi obiettivi da nessuna parte, ha sottolineato il leader russo.

Allo stesso tempo, l’Alleanza Nord Atlantica è sempre più coinvolta nel conflitto sul territorio ucraino. “La NATO, ovviamente, è coinvolta nella guerra in Ucraina. Le consegne sono fatte di equipaggiamento militare, equipaggiamento pesante e ora si sta prendendo in considerazione l’opzione di fornire aerei”, ha detto Putin.

Parlando della prospettiva di trasferire aerei da combattimento F-16 a Kiev, il presidente Putin ha solo notato che anche la Russia ha mezzi contro di loro: “I carri armati sono in fiamme. Diversi carri armati sono stati distrutti. I Leopard sono in fiamme. Gli F-16 saranno in fiamme.”

La Russia, contrariamente alle previsioni, non utilizzerà armi nucleari. “Tutti stanno aspettando che iniziamo a premere i pulsanti, ma non lo faremo”, ha sottolineato il presidente.

Ha menzionato il dispiegamento di armi nucleari in Bielorussia. “Questo è come un elemento di deterrenza. In modo che tutti coloro che stanno pensando di infliggerci una sconfitta strategica non dovrebbero dimenticare questa circostanza”, ha detto. “Nessuno ha paura della concorrenza”.

I paesi occidentali esercitano pressioni sulla Russia nella sfera non solo militare, ma anche economica. Tuttavia, i loro tentativi sono inutili, al contrario, stimolano la crescita e lo sviluppo di un’ampia varietà di industrie.

In particolare, Mosca continua ad allontanarsi dalla dipendenza dalle esportazioni di petrolio e gas. “Il vero settore dell’economia si sta sviluppando. <…> A poco a poco, questa tendenza sta guadagnando slancio”, ha detto Putin.

Lo Stato ha anche aumentato la capacità finanziaria di adempiere agli obblighi sociali. Le categorie vulnerabili ricevono un sostegno mirato: dallo scorso anno, 1,7 milioni di persone sono uscite dalla povertà. I pagamenti sociali sono indicizzati.

L’Occidente, ha ricordato il presidente, sperava che nelle condizioni delle sanzioni la Russia sarebbe tornata a un’economia di comando amministrativo. Ma il Paese ha scelto “la via dell’espansione della libertà di impresa”. La sostituzione delle corporazioni transnazionali che non hanno resistito alla pressione delle élite politiche sta avvenendo con successo.

“Non li abbiamo espulsi, si sono offerti di soppesare tutto”, ha sottolineato Putin. Secondo lui, ora gli imprenditori russi si sono adattati così tanto che stanno già chiedendo di non far entrare le aziende occidentali “erranti”.

“Noi non chiudiamo le porte, nessuno ha paura della concorrenza”, ha assicurato il capo dello Stato, promettendo però che in futuro si terrà conto del comportamento dei «defunti». Per chi è rimasto, nonostante la pressione, creeranno le condizioni più favorevoli.

Fine del neocolonialismo
Nel contesto dello sviluppo economico, il volume dei lavori di costruzione è in aumento, il numero di infrastrutture di trasporto è in aumento. La flotta mercantile è in fase di aggiornamento e si prevede un aumento multiplo del numero di rompighiaccio.

La Russia aderisce al principio dell’apertura economica. Si approfondiscono i legami con i Paesi che, secondo Putin, sono i “mercati del futuro” – con quelli che “non soccombono alle maleducate pressioni” dall’esterno. Questo, ne è certo il presidente, dimostra che le leggi di mercato oggettive sono più forti della situazione politica.

“Il modello neocoloniale ha cessato di esistere e l’ordine mondiale multipolare si sta rafforzando”, ha affermato Vladimir Putin.
Nei mercati internazionali, ovviamente, ci sono malvagi che non vogliono la concorrenza, trattengono nuovi centri di sviluppo. Ma questo solo “annulla la propria reputazione aziendale”.

Gli insediamenti in valute nazionali sono in espansione, con la priorità per Mosca degli stati BRICS e SCO. Con la Cina sono già stati stabiliti pagamenti sia in rubli che in yuan.
Alla fine, la Russia è riuscita a mantenere un’economia stabile – questo è un “fatto”, ha concluso Putin.

Prima dell’inizio del forum di San Pietroburgo il capo dello Stato ha chiesto che venisse dedicato un minuto di silenzio in memoria di Silvio Berlusconi, l’ex premier italiano scomparso qualche giorno fa a Milano. I due capi di stato si erano incontrati diverse volte negli anni passati ed erano diventati molto amici.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Putin: “Testate ipersoniche Avangard e sistemi laser in stato di combattimento”

Le testate nucleari ipersoniche Avangard e i sistemi Peresvet sono in servizio di combattimento. Lo ha affermato il presidente...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)