Giustizia, Palamara: “La magistratura si compattò contro Berlusconi”

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Luca Palamara

“Il 2013 era caratterizzato da un forte scontro tra la magistratura e Berlusconi e la magistratura si compattava, realizzando un sistema”. Lo dice l’ex presidente dell’Anm Luca Palamara ospite di Nicola Porro a “Quarta Repubblica”.

“Il fatto di compattarsi contro Berlusconi – aggiunge l’ex pm – significa che la magistratura ritiene in quegli anni di mantenere la sua autonomia ed indipendenza in questo modo”. Oggi, conclude Palamara, “c’è la volontà di dire riflettiamo su quello che è accaduto”.

“Non mi sento né colpevole né pentito”, ha detto ancora l’ex pm. “Il mio è un racconto fatto da dentro la magistratura, anche il Partito radicale in cui sono entrato appoggerà la commissione d’inchiesta”, ha aggiunto Palamara, spiegando: “Era necessario un rinnovamento della magistratura e una riflessione su cosa non ha funzionato ed io ho voluto fare un’operazione di verità”.

L’ex presidente dell’Anm ed ex membro del Csm domenica da Giletti ha avuto un confronto diretto con il leader della Lega Matteo Salvini intervenuto in diretta. Palamara intercettato nell’ambito dell’inchiesta di Perugia parlando con un suo collega affermò che Salvini sull’immigrazione “ha ragione, ma va comunque attaccato”.

Il leader della Lega ha risposto. “Di Palamara ora lo sappiamo, piuttosto mi chiedo quanti altri pensino la stessa cosa ma delle loro chat non emerga nulla”.

E poi l’attacco sulle “nomine pilotate nei tribunali, la spartizione per correnti di questa o quella procura della Repubblica”: tutto questo “sulla pelle dei cittadini”, dice Salvini.

“La cosa grave per cui ho comprato il libro di Palamara e Sallusti, è tutto quello che c’è dietro. Le nomine pilotate, la spartizione per correnti. La giustizia riguarda 60 milioni di italiani, non c’è solo il penale, c’è anche la giustizia tributaria. Io avrei due o tre soluzioni per superare questi problemi e vorrei anche sapere che cosa ne pensa il dottor Palamara”, ha detto il leader della Lega.

“La magistratura è una casta che alimenta il sistema di cui facevo parte”, ha detto ancora a “Non è l’Arena” Luca Palamara. “E’ mancata un’autocritica all’interno della magistratura, ci siamo arroccati e siamo diventati una casta che ha alimentato un sistema, di cui facevo parte”

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM