29 Giugno 2022

Con l’Ape in pensione con 30 anni di contributi. Cgil: “Renzi non rimangi parola”

Stessa categoria

Un momento del tavolo sulle pensioni tra governo e sindacati a settembre.
Un momento del tavolo sulle pensioni tra governo e sindacati a settembre. (Ansa/Onorati)

Ci saranno anche categorie di lavoratori svantaggiati nel “pacchetto pensioni” discusso stamane tra governo e sindacati. Per andare in pensione prima, secondo quanto emerso dall’incontro tra governo e sindacati, bisogna avere non meno di 30 anni di contributi (e non 20 come detto in un primo tempo dal governo) e un reddito lordo di 1.350 mensile.

I sindacati, Cgil in testa, chiedono che il limite si abbassi. “Il governo si rimangia la parola: 30 anni di contributi invece di 20”, ha detto il sindacato guidato da Susanna Camusso. Il ministro del Lavoro Poletti afferma invece che “Siamo vicini ai nostri obiettivi”.

A rientrare nell’Ape, (Anticipo pensionistico), il cui avvio è previsto per il 1 maggio 2017, dunque anche disoccupati, disabili e alcune categorie di lavoratori, come maestre e infermieri, se questi hanno almeno trent’anni di contributi e un reddito sotto i 1.350 euro lordi. Si potrà andare in pensione a 63 anni invece che a 66 e sette mesi.

Se si rientra nelle categorie di lavoratori attivi, ci vorranno invece almeno 35 anni di contributi complessivi. Prevista la soglia dei 30 anni per disoccupati, disabili o parenti di primo grado conviventi di disabili per lavoro di cura, anche se i sindacati chiedono di ridurre questo livello di contribuzione.

Il governo ha esposto le cifre per questo pacchetto che potrebbe costare da 1,5-1,6 miliardi. 6 miliardi in 3 anni. Intanto, domani è atteso il via libera del Consiglio dei ministri alla Manovra da 24,5 miliardi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER