30 Novembre 2022

Camion bomba distrugge il Ponte che collega la Crimea alla Russia. Ira di Mosca

Correlati

Un camion bomba è stato fatto esplodere sul ponte che collega la Crimea alla Russia. Il ponte è stato distrutto in larga parte e non si può attraversarlo né con mezzi su gomma né in ferrovia.

Le immagini mostrano che su un tratto del ponte un camion, probabilmente carico di tritolo, è saltato in aria provocando il cedimento di una carreggiata nel mar Nero.

Ira di Mosca che ha immediatamente avviato indagini per conoscere esecutori e mandanti di quello che il Cremlino definisce un “attentato terroristico” ad una infrastruttura strategica di comunicazione.

I sospetti dei russi sono tutti puntati su Kiev che avrebbe compiuto l’attentato come ritorsione per l’invasione russa nel Donbass dell’Ucraina.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Falso in bilancio, si dimette l’intero Cda della Juventus

Dopo dodici anni lascia anche il presidente Andrea Agnelli. Gianluca Ferrero sarà il nuovo presidente. Alla base della decisione il coinvolgimento nell'indagine Prisma per falso in bilancio e dalle contestazioni della Consob

DALLA CALABRIA

Caso Bergamini, Padovano svela: “Denis ricevette una telefonata che lo stranì”

"Quel sabato mattina era normale, nel pomeriggio ricevette una telefonata che lo stranì ma non conosco il contenuto della...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER