3 Marzo 2024

Milano, si dimette vicesindaco De Cesaris per un'area Pet

Correlati

Ada Lucia De Cesaris con il sindaco di Milano Giuliano Pisapia
Ada Lucia De Cesaris con il sindaco di Milano Giuliano Pisapia

Ada Lucia De Cesaris, assessore e vicesindaco della giunta Pisapia a Milano ha lasciato l’incarico e si è dimessa. “Ostacoli insormontabili” e assenza “di fiducia con una parte della maggioranza in consiglio”, sono il cuore della motivazione.

Le dimissioni della De Cesaris sono un fulmine a ciel sereno, inaspettate da tutti, anche dallo stesso Giuliano Pisapia. Nei mesi scorsi c’era un malcontento carsico, che probabilmente più volte l’esponente politico ha cercato di manifestare al sindaco, ma il problema è nato da un progressivo sfilacciamento del rapporto di fiducia con la maggioranza di centrosinistra che sostiene il sindaco.

“Si tratta – spiega De Cesaris – di una decisione presa dopo approfondite riflessioni sugli ultimi mesi di lavoro, che hanno messo in evidenza difficoltà non più sormontabili nella prosecuzione della mia attività amministrativa”.

“Soprattutto in vista delle importanti scelte che attendono la giunta in quest’ultima fase del proprio mandato, che richiedono una grande coesione e la massima condivisione politica possibile, ho ritenuto opportuno rimettere le deleghe”. L’ormai ex vicesindaco aveva anche quelle all’Urbanistica, all’Edilizia privata e all’Agricoltura.

Penso – sottolinea De Cesaris – di aver svolto e portato a compimento il mandato per il quale sono stata nominata. Un mandato che ha comportato sfide impegnative ed il raggiungimento di importanti risultati, per i quali voglio ringraziare tutti i miei collaboratori e i lavoratori della pubblica amministrazione, che con impegno, cordialità ed affetto hanno condiviso con me progetti, battaglie ed obiettivi. Voglio inoltre ringraziare il sindaco Giuliano Pisapia, che mi ha offerto un’occasione straordinaria e che ha fatto di Milano una città in grado di volare, al centro dell’attenzione internazionale”, ha concluso De Cesaris.

Nell’ultimo consiglio di lunedi 13, la De Cesaris aveva ventilato le dimissioni sulla questione di uno sgambatoio per cani. Lei era contraria alla realizzazione in quanto l’area si presume fosse inquinata. Aveva espresso il suo dissenso per un emendamento a favore, ma la sua maggioranza a palazzo Marino ha comunque approvato l’atto consiliare che autorizza la realizzazione. Da qui le dimissioni destinate a fare rumore.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Dossieraggi su politici e vip, quasi mille gli accessi abusivi

Sono circa 800 gli accessi abusivi che, secondo la procura di Perugia, il finanziere Pasquale Striano in servizio alla...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)