7 Dicembre 2021

Rosy Bindi e il Dna camorristico di Napoli. Roberti: "Ha ragione"

Stessa categoria

Franco Roberti e Rosy Bindi
Franco Roberti e Rosy Bindi

“La camorra è parte costitutiva della società a Napoli”, aveva detto la presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Rosy Bindi durante la visita della commissione nel capoluogo campano.

Apriti cielo. Venne giù il finimondo, con attacchi incrociati all’ex ministro della Sanità. Dal sindaco de Magistris e il governatore De Luca, fino al procuratore Colangelo hanno preso le distanze. Anche esponenti del suo movimento, il Partito democratico, hanno espresso “sconcerto” per una frase che nel Sud Italia appare abbastanza ovvia. E’ cioè che la società civile è lo specchio fedele del degrado, del malaffare e delle connivenze.

In soccorso della dirigente dem scende ora il procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti, che di mafie e cultura mafiosa, in quanto in prima linea, ne sa forse qualcosa in più di quelli che hanno attaccato la Rosy Bindi.

“Io stesso – ha detto Roberti in  in audizione davanti alla Commissione Antimafia – ho definito già in passato la camorra elemento costitutivo della società napoletana. Se non guardiamo in faccia questa realtà – ammonisce – se proseguiamo con i negazionismi, non possiamo approntare interventi strutturali” per combatterla.

“Esiste una Napoli virtuosa e onesta – ha detto Roberti – ma accanto c’è una Napoli camorrista e plebea” che “trova la sua linfa in quelle povertà crescenti e in quelle diseguaglianze”.

Bindi prima che ascoltasse Roberti non è indietreggiata ma ha anzi rincarato. “Se qualcuno si è offeso non posso chiedere scusa perché ne sono convinta. Non negare la camorra è il primo atto per combatterla”. E ribadisce: “La camorra è parte costitutiva della società a Napoli, questo è ormai un dato centenario. Perché dobbiamo scandalizzarci di questa affermazione? Così si diventa complici”, ha detto la presidente della Commissione.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER