Wikileaks: Berlusconi spiato da 007 Usa prima di cadere nel 2011

Black Friday Carlomagno novembre 2018
Wikileaks, Silvio Berlusconi spiato dagli 007 Usa
Silvio Berlusconi

ROMA – Le telefonate tra l’allora premier Silvio Berlusconi e i suoi collaboratori, ma anche conversazioni dirette con leader politici come Benjamin Netanyahu venivano monitorate dallo Special Collection Service (Scs), unità speciale dell’Nsa (National Security Agency degli Stati Uniti) che opera sotto copertura diplomatica. E’ quanto emerge dai nuovi file di Wikileaks resi noti da Repubblica e l’Espresso.

In particolare, sul suo sito web, l’organizzazione creata da Julian Assange pubblica il report dell’Nsa di un incontro tenutosi il 22 ottobre 2011 tra l’allora presidente del Consiglio, l’ex presidente francese Sarkozy e la cancelliera Merkel, nel quale Sarkozy avrebbe detto a Berlusconi che “le istituzioni finanziarie italiane potrebbero presto “saltare in aria” come il tappo di una bottiglia di champagne e che “le parole non bastano più” e che Berlusconi “ora deve prendere delle decisioni”.

Le fasi che portarono alle dimissioni di Berlusconi sono state dunque attentamente seguite dall’Nsa. Secondo questi nuovi documenti, sono state intercettate le conversazioni di Berlusconi, del suo consigliere personale Valentino Valentini, del consigliere per la sicurezza nazionale, Bruno Archi, del vice consigliere diplomatico Marco Carnelos, e del rappresentante permanente dell’Italia alla Nato, Stefano Stefanini. Quanto alla telefonata tra Berlusconi e Netanyahu, nello stralcio del documento dell’Nsa viene riportato che “Berlusconi ha promesso di mettere l’Italia a disposizione di Israele, nell’aiutare a rimettere a posto le relazioni di quest’ultimo con Washington”.

La Farnesina ha convocato l’Ambasciatore degli Stati Uniti d’America John Phillips per avere chiarimenti circa le notizie riportate da Repubblica e L’Espresso, secondo le quali il Presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi e alcuni suoi stretti collaboratori sarebbero stati sottoposti a intercettazioni telefoniche nel 2011.

“Ci accingiamo a chiedere informazioni in tutte le sedi, anche con passi formali, sulla vicenda di Berlusconi” svelata da Wikileaks: ha annunciato il premier Matteo Renzi, secondo quanto riferito da diversi partecipanti, all’assemblea Pd al Senato.

Copasir chiederà chiarimenti a Minniti – Il Copasir chiederà al sottosegretario con delega all’Intelligence, Marco Minniti, chiarimenti sui documenti di Wikileaks pubblicati da Repubblica e L’Espresso, che danno conto di un’attività di spionaggio da parte degli Stati Uniti nei confronti dell’allora premier Silvio Berlusconi e di suoi collaboratori nel 2011. “Mi sembra doveroso – dice all’Ansa il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi – sottoporre la questione all’attenzione del sottosegretario Minniti nella sua audizione prevista per dopodomani”.