Paolo Berdini si è dimesso: “Non resto. Troppi interessi sullo stadio”

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Paolo Berdini
Paolo Berdini

“Dimissioni irrevocabili” – “Era mia intenzione servire la città mettendo a disposizione competenze e idee. Prendo atto che sono venute a mancare le condizioni per poter proseguire il mio lavoro”, fa sapere in un comunicato l’assessore all’Urbanistica Paolo Berdini.

“Mentre le periferie – spiega Berdini – sprofondano in un degrado senza fine e aumenta l’emergenza abitativa, l’unica preoccupazione sembra essere lo Stadio della Roma. Dovevamo riportare la città nella piena legalità e trasparenza delle decisioni urbanistiche, invece si continua sulla strada dell’urbanistica contrattata, che come è noto, ha provocato immensi danni a Roma”.

Le dimissioni erano già nell’aria dopo l’uscita dell’audio “scandalo” in cui l’urbanista con un cronista della Stampa si è lasciato andare in frasi imbarazzanti sul sindaco di Roma Virginia Raggi, che in un primo momento le aveva, per così dire, “congelate”. Raggi ieri aveva lanciato una sorta di ultimatum: Berdini “pensi a lavorare perché la pazienza a un limite”.

Ma la sua decisione di lasciare l’urbanistica, potrebbe appunto scaturire da “forti pressioni e interessi” sul nuovo stadio della Roma, come ha dichiarato lui stesso lunedì al Fatto Quotidiano.

 

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM