Trapani, Lo Voi: “Non è giustizia a orologeria”. Caos per le elezioni

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb
Antonio D'Alì
Antonio D’Alì in Senato (Ansa)

“I tempi delle indagini e della politica sono diversi e a volte possono crearsi sovrapposizioni temporali. Quando questo capita, comunque, in mancanza di una conoscenza precisa dei fatti, nessuno è autorizzato a parlare di giustizia a orologeria”.

Lo ha detto il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi al termine della conferenza stampa sugli arresti per corruzione a Trapani. Ai domiciliari è finito il candidato sindaco Girolamo Fazio. “Se guardiamo l’origine e lo sviluppo di questa indagine e la sua rapidità – ha aggiunto – parlare di giustizia a orologeria è affrettato e ingeneroso”.

Quanto alla richiesta di soggiorno obbligato fatta ieri dalla dda di Palermo nei confronti del senatore Antonio D’Alì, concorrente di Fazio nella corsa a sindaco, “la sentenza di appello dalla quale sono stati tratti elementi importanti per la definizione della proposta è stata depositata il 14 aprile scorso. La preparazione di un provvedimento in tempi così brevi risponde da sola a qualunque obiezione”.

Intanto, è caos alle prossime amministrative di Trapani dopo il terremoto giudiziario. Con D’Alì che dopo il provvedimento ieri si era “ritirato” nella corsa alla carica di sindaco e l’arresto del suo diretto avversario Girolamo Fazio rimarrebbero in corsa solo il M5S e il Pd.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb