Scissionisti uniti già spaccati sul nome, cancellata pagina Liberi e uguali

Carlomagno Nuova Jeep Compass Aprile 2021
Una ricerca su Google di Liberi e uguali mostra il testo originario della pagina poi cancellata su Wikipedia
Una ricerca su Google di Liberi e uguali mostra il testo originario della pagina poi cancellata su Wikipedia

Sono già spaccati sul nome gli scissionisti del Pd riaggregati oggi a Roma nella santa alleanza della sinistra di Grasso, D’Alema, Bersani, Speranza, Fratoianni e Civati. Liberi e uguali, la frase proferita dal presidente del Senato Piero Grasso, (possibile) candidato premier alle prossime elezioni politiche è apparsa per qualche ora come pagina su Wikipedia ma è stata subito cancellata.

Nello snippet apparso su Google, è comunque rimasto in cache il testo originario. Alla ricerca Liberi e uguali il motore di ricerca mostra nelle prime posizioni la pagina in questione: ” Liberi e uguali è una lista di centrosinistra/sinistra creata da Pietro Grasso il 3 dicembre 2017, comprendendo Mdp articolo 1, Sinistra italiana e Possibile. Pietro Grasso si è candidato premier per le elezioni del 2018″.

Probabilmente qualche dirigente progressista ha pensato che l’espressione Libero e uguali più volte detta da Grasso all’assemblea di domenica poteva ben adattarsi al nome della coalizione da presentare alle prossime elezioni e in futuro.

La pagina Liberi e uguali cancellata dopo essere stata creata domenica 3 dicembre
La pagina Liberi e uguali cancellata poche ore dopo essere stata creata domenica 3 dicembre 2017

Così apparentemente non è, e non se ne conosce al momento la ragione. I media, per semplificare la nuova “Cosa” a sinistra l’hanno subito battezzata Liberi e uguali, ma evidentemente per i leader di partito il problema è trovare il giusto acronimo (come dire: la forma è tutto, prima ancora della sostanza).

Un conto è farsi conoscere come Pd, Sel o altre sigle di partito ormai blasonate, un altro a pochi mesi dalle elezioni è lanciare “Leu” o “Lu”. Insomma, “Liberi” di scegliere si, ma “uguali” sembra in effetti un termine forzato in una galassia progressista che si differenzia su tutto…

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM