Renzi vuole candidare i più “forti” nei collegi. M5S polemizza su Boschi

Carlomagno Nuova Jeep Compass Aprile 2021
Matteo Renzi, Pd
Matteo Renzi

Matteo Renzi ha avviato, a quanto apprende l’Ansa, il lavoro per definire le candidature con un giro di contatti e telefonate anche con Andrea Orlando e Michele Emiliano. La strategia elettorale è di mettere i candidati più forti alla guida dei collegi, ad esempio Renzi a Firenze centro; il premier Paolo Gentiloni a Roma 1; Dario Franceschini a Ferrara e proporzionale in Basilicata; Andrea Orlando a La Spezia, prevedendo anche la candidatura nel proporzionale; Marco Minniti nel collegio a Reggio Calabria e nel proporzionale in Veneto.

Per Orlando probabile collegio a La Spezia e proporzionale in Calabria. Per Del Rio collegio di Reggio Emilia o Bolzano e proporzionale in Sardegna. La strategia, spiegano fonti del Nazareno, è mettere in campo nei collegi i candidati migliori e radicalizzare lo scontro con il M5S come dimostrano le polemiche di questi giorni su 80 euro, Europa e pensioni.

Ancora polemiche su Boschi, Di Maio: “Autolesionista ricandidarla”

“Quella di ricandidare Maria Elena Boschi “è una scelta del Pd, ed è anche abbastanza autolesionista dal punto di vista elettorale. Ma sono affari loro”. Così il candidato premier del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, a margine di un incontro sull’innovazione alla Triennale di Milano.

“Penso – ha detto Di Maio – che il Pd stia affondando come il Titanic e prima che affondi faccio un appello a quelli del Pd: parlateci, diteci tutto sullo scandalo banche.  Qui non è coinvolta solo la Boschi che è solo la punta dell’iceberg, ci sono Verdini, Berlusconi, Ghizzoni – ha aggiunto -, ci sono tante persone coinvolte in questo scandalo che farà crollare la seconda repubblica, ma prima di vederla affondare vogliamo sapere la verità”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM