Di Maio: “No a governi istituzionali, si all’Ue ma 3% va superato”

Un ritorno alle urne? "Non ci spaventa, se avversari vogliono batosta più forte. Ma noi siamo responsabili e non lasceremo l'Italia nel caos. Dialoghiamo sui temi"

Carlomagno Alfa Romeo Giulia giugno 2018
Luigi Di Maio nell'incontro con la stampa estera
Luigi Di Maio nell’incontro con la stampa estera

Si a euro e all’Europa, ma no all’austerity, ha detto il capo politico del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio alla stampa estera, rassicurando sul fatto che “noi non siamo estremisti”, come qualcuno (Renzi e Berlusconi, ndr) dipinge il movimento.

Tuttavia c’è necessità di politiche “espansive” per tirare fuori il paese dalle secche e dare risposte agli undici milioni di italiani che il 4 marzo hanno premiato il programma del M5s. E sul tetto del 3%?: “Mi pare che ormai tutti concordino che vada rivisitato o superato, ora vediamo come”.

Sulle alleanze per un possibile governo di cui si sente parlare in questi giorni, Di Maio ha affermato che “nessuna delle forze politiche” finora “si è fatta avanti per parlare dei temi che interessano gli italiani”, ma “sento parlare di cariche e problemi interni ai partiti”.

Esclude governi istituzionali e sottolinea, come del resto ha fatto Salvini (che oggi ha chiuso al Pd, aprendo di fatto ai 5 Stelle), che gli elettori hanno scelto un candidato premier, un programma e una squadra di governo, ma non ha escluso l’ipotesi più plausibile (vista l’assenza dei numeri), e cioè un’alleanza di governo che sia basata sui temi.

Un ritorno alle urne non lo spaventa: Se gli avversari politici “vogliono sentire ancora più forte il messaggio degli italiani dato il 4 marzo, siamo disponibili”, ha ribadito tornando però sulla necessità maggiore “responsabilità a tutte le forze politiche”. “Abbiamo improntato la nostra politica sul dialogo e non vogliamo lasciare l’Italia nel caos”, ha rimarcato ancora il leader pentastellato.

Sull’elezione dei presidenti di Camera e Senato Di Maio ha precisato che queste “non devono essere legate a dinamiche di governo, ma sono figure di garanzia. Dialoghiamo sui temi, non sulle cariche”, ha detto ancora il capo del M5s.