2 Marzo 2024

Strali tra Di Maio e Salvini. Il Governo è lontano, il voto vicino

Nonostante il passo indietro del leader leghista, prevalgono i veti. Di Maio punta i piedi e afferma "0% di possibilità tra noi e il centrodestra". Fico: "Dialogate", ma intanto accelera sui vitalizi

Correlati

Matteo Salvini Luigi Di MaioAccordo sempre più lontano per una ipotesi di governo tra Centrodestra e Movimento cinque stelle. Dopo l’appello al dialogo lanciato stamane dal presidente della Camera, Roberto Fico, a spegnere ogni tentativo di formare un esecutivo, lasciando così spazio a un ritorno alle urne, ci hanno pensato i leader di Lega e Pentastellati, Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

Il senatore leghista torna a parlare dopo la riunione del centrodestra ad Arcore e si era detto “convinto che ci sia il 51% delle possibilità di fare un governo tra centrodestra e Cinquestelle“. Replica a bruciapelo di Di Maio: “C’è lo 0% di possibilità che il MoVimento 5 Stelle vada al governo con Berlusconi e con l’ammucchiata di centrodestra”, ha scritto su twitter.

“Di Maio, in questo momento, mi interessa meno di zero”, è la controreplica di Salvini. Poi il capo del centrodestra ha argomentato: “La risposta a Di Maio è la vita reale: significa che c’è una squadra che ha vinto, voglio dialogare, non voglio fare il premier a tutti i costi, sono disposto a parlare di programmi, ma se dall’altra parte arrivano solo no, si va a votare e gli italiani daranno il loro voto a chi si fidano di più e penso che saremo noi”. “Da domani pronto a incontrare tutti, anche Di Maio. Anche non pretendendo di fare il premier. Ma se dall’altra parte ci sono arroganza, veti e supponenza non si va lontano”.

Al Quirinale, dunque i partiti saliranno con le stesse intenzioni della scorsa settimana. Nessuno, tranne Salvini, rinuncia a fare un passo indietro, e tutti ripropongono gli stessi veti: Berlusconi contro i “populisti” del M5s, e questi contro Forza Italia. L’unica alternativa per un governo, seppure da più parti definita “surreale”, era un’alleanza tra grillini e Pd, ma questi, a meno di improbabili colpi di scena (ci vogliono comunque numeri che al momento appaiono risicatissimi), hanno ribadito più volte di no, anche se c’è la sponda di Emiliano-Orlando. Ma la maggioranza dei seggi li ha in mano Renzi, che è lontanissimo dall’idea di dare una sola chance al M5s.

A questo punto ci sarebbe il tempo per una nuova legge elettorale da approvare entro giugno e tornare al voto in autunno. E’ sufficiente introdurre un premio di maggioranza. Per approvarla non è necessario il governo, che in ogni caso c’è per gli affari ordinari: quello ancora in carica di Paolo Gentiloni. Il fatto che il presidente della Camera, il grillino Fico, abbia avviato in fretta l’istruttoria per tagliare indennità e vitalizi è un segno evidente che anche in ambienti del M5s ci sia la ferma volontà a tornare a votare.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Il ministro russo Lavrov risponde a Macron: “Le truppe occidentali sono già in Ucraina”

Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, citato dalla Tass, risponde al presidente francese Macron su un eventuale invio...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)