23 Maggio 2022

Migranti, dietrofront di Macron sugli hotspot. Ira di Salvini e Di Maio

L'Eliseo vorrebbe ora centri di accoglienza nei paesi di primo sbarco (Italia), e non come detto a Conte, in Africa. Salvini lo definisce "arrogante". Di Maio: "Non arretreremo"

Stessa categoria

Salvini Macron porta a portaE’ nuovo scontro tra Italia e Francia sulla questione migranti. A riaprire la polemica ieri è stato nuovamente il presidente francese Emmanuel Macron che in un incontro all’Eliseo con il premier spagnolo Sanchez ha affermato non solo che la crisi migranti in Italia “non esiste”, ma ha incredibilmente smentito ciò che aveva convenuto con il premier Giuseppe Conte nell’incontro di qualche giorno fa a Parigi, ossia: “Va bene la proposta italiana di realizzare degli hotspot nei paesi di origine”, ipotesi che starebbe bene alla alla Germania di Angela Merkel.

La marcia indietro di Macron consiste nel fatto che adesso vorrebbe, insieme alla Spagna, “centri chiusi nei paesi di sbarco”, con esplicito riferimento all’Italia, poiché è l’unico paese di frontiera a doversi sorbire tutti gli sbarchi delle Ong straniere che spesso da Malta, paese Ue definito “ingrato e senza umanità”, non soltanto non accoglie nessuno, ma dai suoi porti partono le navi per recuperare gli immigrati caricati sui gommoni dagli scafisti in Libia.

A replicare a Macron sono i due vicepremier italiani, prima Salvini e poi Di Maio. Il primo, durissimo, ha bollato come “arrogante” l’atteggiamento di Macron: “650mila sbarchi in 4 anni, 430mila domande presentate in Italia, 170mila presunti profughi a oggi ospitati in alberghi, caserme e appartamenti per una spesa superiore a 5 miliardi di euro. Se per l’arrogante presidente Macron questo non è un problema, lo invitiamo a smetterla con gli insulti e a dimostrare la generosità con i fatti aprendo i tanti porti francesi e smettendo di respingere donne, bambini e uomini a Ventimiglia”, ha ribattuto il vicepremier e ministro dell’interno Matteo Salvini.

A ruota, Di Maio: “Le dichiarazioni di Macron sul fatto che in Italia non esista una crisi migratoria – scrive su Fb il vicepremier Luigi Di Maio – dimostrano come sia completamente fuori dalla realtà. Evidentemente i governi italiani precedenti gli avevano raccontato che il problema non esisteva, forse per far continuare indisturbato il business dell’immigrazione. È ufficialmente finita l’epoca in cui l’ Italia si fa carico di tutto. Gli hotspot nei Paesi di primo sbarco vorrebbe dire “Italia pensaci tu”. Non esiste. Non arretreremo di un millimetro”, chiude il ministro Cinquestelle.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER