Manovra, Di Maio: “Nessuna tassa sulle auto delle famiglie”

Carlomagno campagna Jeep Compass dicembre 2018
Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio
Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio (Ansa)

“Smentisco categoricamente qualsiasi voce sulla volontà di far dimettere il ministro Tria. Ho visto che (questa ipotesi) veniva attribuita addirittura al Movimento 5 stelle. Giovanni Tria sta facendo un grande lavoro e squadra che vince non si cambia: deve restare al ministero dell’Economia”. Così il vicepremier e ministro Luigi Di Maio ospite di Radio 24.

Con il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, “spero di poter dialogare da martedì al tavolo che ho convocato con le piccole e medie imprese”, ha detto Di Maio rispondendo alle critiche e assicurando che “se possiamo migliorare ancora la manovra, lo faremo”.

Nella legge di bilancio “ci saranno novità sul costo del lavoro”, ha aggiunto il vicepremier e ministro, spiegando che “stiamo lavorando alla riduzione del costo del lavoro e ad un ulteriore incentivo alle imprese che assumono a tempo indeterminato”.

Di Maio, a proposito dell’ecotassa, ha assicurato: “Io non voglio mettere alcuna tassa sulle auto familiari di cui gli italiani hanno bisogno per spostarsi. Dopo il confronto con le aziende automobilistiche, con i lavoratori e i consumatori troveremo il modo per migliorare la norma, che non significa fare marcia indietro”.”Il nostro obiettivo è di incentivare l’uso dell’auto elettrica, ibrida e a metano. Se qualcuno pensa di far litigare il governo su questa norma si sbaglia, perché alla fine prevale il buon senso dall’una e dall’altra parte”.