Salvini indagato per la “Diciotti” da pm di politicizzati e l’Anm fa politica

Carlomagno campagna Fiat febbraio 2019
Il ministro dell'Interno Matteo Salvini mentre apre la busta della procura di Catania
Il ministro dell’Interno Matteo Salvini mentre legge la richiesta di archiviazione della procura di Catania (Fb)

E’ scontro tra il ministro Salvini e i magistrati dopo che il tribunale dei ministri di Catania ha chiesto l’autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell’Interno per la vicenda della nave Diciotti. La decisione del tribunale dei ministri arriva dopo la richiesta motivata di archiviazione avanzata dalla procura di Catania.

“Ci riprovano, torno ad essere indagato per sequestro di persona e di minori, con una pena prevista da 3 a 15 anni. Manco fossi uno spacciatore o uno stupratore. Ora la parola passa al Senato e ai senatori che dovranno dire si o no, libero o innocente, a processo o no. Ma lo dico fin da ora, io non cambio di un centimetro la mia posizione”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha commentato in una diretta Facebook la decisione del tribunale dei ministri di Catania di chiedere l’autorizzazione a procedere nei suoi confronti.

L’Anm fa politica e replica al ministro dell’Interno

“Le dichiarazioni odierne del Ministro dell’Interno, a commento della decisione del Tribunale dei Ministri di Catania, – spiega l’Associazione nazionale magistrati – risultano irrispettose verso i colleghi nei toni di derisione utilizzati e nei contenuti, anche laddove fanno un parallelismo tra i tempi di redazione di un provvedimento giurisdizionale, come noto previsti dalla legge, e il funzionamento di un’azienda privata. Il rischio di una delegittimazione della magistratura, il cui operato viene fatto nel rispetto delle leggi dello Stato, è alto e va assolutamente evitato”.