29 Giugno 2022

Basilicata, Bardi al 42,5% grazie alla Lega (choc) che “supera” il M5S

Candidato del centrodestra verso la vittoria quando mancano poche sezioni. Carroccio verso il primato con il 19,77%. Segue l'M5s con il 19,52%. Il Partito democratico invece crolla all' 8,45%. Forza Italia ai minimi

Stessa categoria

Vito Bardi
Vito Bardi (Ansa)

Con circa il 60% delle sezioni scrutinate (430 su 681), il candidato governatore della Basilicata per il centrodestra Vito Bardi è in testa con il 42,60%, secondo i risultati ufficiali parziali delle elezioni regionali di ieri. Seguono Carlo Trerotola del centrosinistra al 35,67%, Antonio Mattia del Movimento 5 stelle con il 19,59% e Valerio Tramutoli di Basilicata possibile al 4,00%. Lega sarebbe primo partito con il 19,77%. Segue l’M5s con il 19,60%. Crolla il Partito democratico che si ferma invece al 8,45%. Stessa cosa FI.

“Abbiamo scritto la storia”: sono le prime parole pronunciate davanti ad un folto gruppo di giornalisti da Vito Bardi, candidato del centrodestra che diventerà governatore della Regione Basilicata secondo la tendenza dello scrutinio.

“La Basilicata – ha aggiunto Bardi – è pronta per il cambiamento. Il centrodestra ha scelto la via del riscatto. Sono emozionato come lucano e onorato come uomo delle istituzioni”.

“Chiamerò Berlusconi, Salvini e Meloni per fare una grande festa”, ha annunciato poi Bardi. “E’ finita una campagna elettorale che è stata un’esperienza fantastica in una regione bellissima”.

“Al primo posto dell’agenda c’è il lavoro”, ha ricordato Bardi. “I giovani saranno presenti e dovranno avere opportunità in questa terra. La Regione è di tutti e io – ha aggiunto, fra gli applausi dei suoi sostenitori – sarò il presidente di tutti.
Trasparenza, meritocrazia e legalità – ha concluso Bardi – saranno al centro”.

E’ stata del 53,58% l’affluenza definitiva alle urne per le elezioni regionali in Basilicata, secondo i dati comunicati sul sito del Viminale. Si tratta di un dato in crescita rispetto alle precedenti regionali del novembre 2013 quando l’affluenza è stata del 47,60%. Ma in quell’ occasione si votava in due giorni: domenica e lunedì. Nella provincia di Potenza la quota di votanti è stata del 52,40%. Più alta in quella di Matera (56,22%).

Il dato della Lega, che finora supera il M5S come primo partito, è definito da molti come sorprendente. Alle scorse regionali il partito di Salvini non era presente mentre alle politiche del marzo 2018 racimolò un 6% circa. Ed è proprio grazie al Carroccio che Bardi – scelto da Berlusconi – diventerà governatore della Basilicata. Dopo Abruzzo e Sardegna il centrodestra a traino leghista, anche con la Basilicata, fa man bassa di regioni.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER