Bagno di folla per Salvini a Montecitorio, lui: “Alla fine vinceremo noi”

Carlomagno campagna Fiat 500 Gamma Dicembre 2019
Fiducia al Governo, Lega e FdI in piazza contro il governo delle poltrone
Giovanni Toti, Giorgia Meloni e Matteo Salvini in piazza Montecitorio nel giorno della fiducia alla Camera

Bagno di folla per il leader della Lega Matteo Salvini a piazza Montecitorio. Manifestanti ed elettori lo hanno seguito nel tragitto tra piazza Montecitorio e piazza Capranica dove c’è lo schermo della manifestazione. Salvini ha concesso foto e strette di mano. “Non mollare, Matteo, non mollare!”, gli hanno gridato i sostenitori. Insieme a lui Giorgia Meloni e Giovanni Toti, governatore della Liguria che ha da poco costituito il movimento “Cambiamo”, dopo aver abbandonato Forza Italia.

“Un saluto ai poltronari chiusi nel Palazzo, continuiamo a chiedere onore e dignità”, ha detto Salvini salutando i manifestanti in piazza Montecitorio contro la fiducia al governo Conte. Alla Camera è in corso la dibattito dopo il discorso programmatico del premier.

“In piazza c’è un pezzo di Italia che penso sia maggioranza nel Paese che chiede di votare. Oggi è plastica la divisione tra il Palazzo chiuso e l’Italia in piazza”, ha detto il leader della Lega Matteo Salvini a margine della manifestazione contro la fiducia al governo Conte davanti a Montecitorio.

E dal palco, nell’augurare in conclusione “Buon lavoro al Monti bis”, ha lanciato la sfida per le regionali in Umbria, Emilia-Romagna, Calabria, Marche e altre: “Trenta milioni di italiani saranno chiamati a votare” e scegliere “tra il passato, chiuso nel palazzo”, e il “futuro che siete voi”. “L’obiettivo è uno solo: vincere”, ha detto il leader della Lega tra gli applausi della piazza che poco prima aveva dedicato fischi al presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

L’ex ministro dell’Interno ha poi chiamato a raccolta “milioni di italiani” in piazza San Giovanni per il 19 ottobre, dove è programmata una grande manifestazione della Lega a cui parteciperanno anche Fratelli d’Italia, Noi per l’Italia, il movimento di Toti e altri pezzi della galassia della destra in Italia.