La Camera approva “in massa” il taglio dei parlamentari. Spiazzato il M5s

Carlomagno campagna Jeep Compass Ottobre 2019
Il voto alla Camera sul taglio dei parlamentari (Ansa)

Il disegno di legge di riforma costituzionale sul taglio di 345 parlamentari è stato approvato a Montecitorio. Hanno votato sì 553 deputati, 14 sono stati i no, e 2 gli astenuti. A favore, fra gli altri: M5s, Lega, Pd, FI e FdI.

Quella di oggi era la quarta ed ultima lettura parlamentare del testo, bandiera del Movimento 5 stelle. Perché la riforma – che riduce i deputati a 400 dai 630 attuali ed i senatori a 200 dagli attuali 315 -, fosse definitivamente approvata, trattandosi di un ddl costituzionale, viene richiesta la maggioranza assoluta dei componenti dell’Assemblea, pari a 316 voti.

I dem, che pure erano contrari al taglio, hanno votato a favore per mantenere saldo il contratto di governo tra Cinquestelle e Pd. La proposta era invece stata votata dalla Lega nelle precedenti tre letture.

L’approvazione “di massa” della proposta pentastellata spazza via le polemiche politiche come ogni alibi a Luigi Di Maio (oggi spiazzato dall’opposizione) di poter criticare in particolare la Lega di Salvini sul paventato “attaccamento alle poltrone”.

Il capo politico del M5s aveva sfidato il leader leghista: “Con il voto alla Camera vedremo chi è davvero attaccato alle poltrone”, aveva detto Di Maio riferendosi all’ex alleato quando il ddl era stato calendarizzato alla Camera per il 7 e 8 ottobre.