Caso Paragone, il senatore: “Farò ricorso”. Ira dei militanti sui social per espulsione

"Espulso dal nulla e contro questo nulla mi appello. E se mi gira mi rivolgerò anche alla giustizia ordinaria", dice il senatore


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Gianluigi Paragone

“Cari falsi probiviri, cari uomini del Nulla, voi avete paura di me perché io ho quel coraggio che voi non avete più. Contro la meschinità del vostro arbitrio mi appellerò”. Così Gianluigi Paragone in un post su Facebook annuncia il ricorso, dopo che il Collegio dei probiviri ha disposto la sua espulsione dal Movimento 5 Stelle.

Nel video che accompagna il post Paragone punta il dito contro una “volontà politica di espellere qualcuno perché è un rompicoglioni, perché è qualcuno che ti sta obbligando a prendere coscienza del fatto che le battaglie radicali, identitarie, antisistema del Movimento Cinque Stelle non sono combattute con quella forza. Ecco qual è la mia unica colpa, e quindi sono stato sbattuto fuori da questo nulla, il nulla di queste persone che si arrogano il diritto di prescindere dalla correttezza delle norme”.

“Ci sono tanti altri casi aperti prima del mio – scandisce – e ci sono tanti altri casi che dovrebbero essere disciplinati. Però Paragone deve essere buttato fuori, perché? Perché è uno strano Savonarola, è uno strano predicatore, che tra l’altro ci costringe a guardarci allo specchio. Questo Paragone si appellerà all’ingiustizia arbitraria dei probiviri, cioè degli uomini del nulla, guidati da qualcun altro che è il nulla”. “Io farò ricorso – annuncia – e se mi gira mi rivolgerò anche alla giustizia ordinaria”.

L’ira dei militanti sui social per l’espulsione
Attestati di stima, stupore e tanta amarezza. Gianluigi Paragone espulso dal Movimento Cinquestelle raccoglie, almeno finora, la solidarietà dei suoi sostenitori. Tantissimi infatti i messaggi dei militanti destinati al senatore dopo la dura decisione dei Probiviri pentastellati, che ora finiscono nel mirino insieme ai vertici sotto all’ultimo post del giornalista. Post dove, tra l’altro, il M5S viene definito il “nulla”. Presenti (ma in netta minoranza) anche i detrattori, che puntano il dito contro l’ex conduttore, accusandolo di aver “seminato zizzania” dal suo approdo nel Movimento per favorire in qualche modo l’ex alleato leghista.

“Coerenza” sembra essere la parola chiave di ogni commento a favore. Agli occhi dei grillini arrabbiati e amareggiati, il senatore appare come “l’unico rimasto coerente con le idee che avevano fatto grande il movimento”, “l’unico coerente con le promesse elettorali”, “uno dei pochi coerenti con i principi del Movimento”, “uno dei pochi del M5S rimasto coerente con il programma alle politiche del 2018”. Un “grave errore”, insomma “espellere un’anima vera contro le ingiustizie”. “Dove sta andando a sbattere il movimento?” la domanda che rimbalza di messaggio in messaggio; “eri l’unico che poteva rilanciare i 5 Stelle sostituendo Di Maio, ti hanno fatto fuori per gestire le ultime briciole di potere che conservano”, la teoria che circola fra i più.

“Questo – sentenziano ancora – è uno dei tanti mattoni che vengono a mancare e tra poco del movimento resteranno solo macerie, tra chi migra per altri lidi e chi viene cacciato va a finire che resteranno solo di Maio e Grillo nel partito”, ragionano, mentre bollano l’espulsione come “l’inizio della fine dei 5stelle”. La ‘cacciata’ di Paragone, insomma, non va proprio giù ai militanti. Ed è così che in decine e decine di messaggi parte l’invito a formare con gli altri ex “un nuovo movimento, così saranno loro i veri espulsi dai cittadini”.

Ma non c’è solo la solidarietà. Nei confronti di Paragone, ecco arrivare anche diverse critiche da una minoranza particolarmente agguerrita. “Basta contare la quantità di leghisti che ha sempre pascolato nella tua pagina per capire che l’espulsione avrebbe già dovuto avvenire da tempo. Torna a casa, leghista: questo, sì, sarebbe un gesto coerente”, sbottano. E ancora: “Hanno fatto bene… Non hai fatto altro che lanciare contro sondaggi. Hai votato spesso contro… pretendi che ti fanno la statua? Di un movimento – accusano – se ne sposa la linea politica. E tu non hai fatto altro che andare contro. Capisco avete idee diverse ma così no”. “Per coerenza – attaccano – avresti dovuto dimetterti, ma hai aspettato di essere espulso per rincarare la dose delle colpe da addebitare ai penta stellati! Sei un’inutile marionetta”. D’altra parte, sostengono, “Paragone dal primo giorno ha seminato zizzania, contestando quasi tutte le scelte dei 5 stelle”. “Suppongo abbia sapientemente provocato l’espulsione”, la conclusione di chi ha una certezza: “Questo – scrivono – è l’ennesimo regalo fatto all’amico Salvini”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM