Bonaccini vince su Borgonzoni con 8 punti di scarto. Crolla Forza Italia al 2,5%

Il governatore uscente fa il bis con oltre il 51%. Borgonzoni ferma al 43,7%. Il M5s con Benini ha preso il 3,5. Scomparsa Forza Italia


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Stefano Bonaccini

Ha vinto con circa otto punti di vantaggio il candidato del centrosinistra Stefano Bonaccini che ha preso il 51,6%, contro il 43,7% della sua sfidante Lucia Borgonzoni, sostenuta dal centrodestra. Simone Benini del M5s ha preso il 3,5%.

Sotto il mezzo punto gli altri candidati: Domenico Battaglia (Movimento 3v) 0,5%, Laura Bergamini (Partito comunista) 0,4%), Marta Collot (Potere al Popolo) 0,3%, Stefano Lugli (Altra Emilia-Romagna) 0,2%.

Sconfitta amara per Lucia Borgonzoni e Matteo Salvini, che si era detto convinto di stravincere nella rossa Emilia-Romagna. Al leader della Lega non riesce quindi il colpaccio che avrebbe dovuto segnare lo “sfratto” del governo Conte.

Partita invece ampiamente chiusa a favore di Jole Santelli in Calabria: la candidata di Forza Italia per il centrodestra trionfa con il 55,40% e diventa la prima Governatrice donna della regione. Pippo Callipo per il centrosinistra si ferma al 30,12%, Carlo Tansi (lista civica) registra il 7,17% e precede Francesco Aiello (M5S) al 7,30% (quando mancano pochissime sezioni, Tansi e Aiello non entrerebbero in Consiglio regionale, ndr).

Gli occhi comunque erano tutti puntati sull’Emilia Romagna, che ha sorpreso per il boom dell’affluenza al (67,7%), di 30 punti superiore rispetto al 2014 (37,6%) e analoga a quella delle europee 2018.

Da segnalare in Emilia-Romagna che Forza Italia è crollata al 2,5%, la Lega quasi al 32; mentre in Calabria i berlusconiani e Carroccio sono appaiate oltre il 12%. Un dato che farà riflettere i leghisti, si apprende da fonti del centrodestra, è l’evidente “disimpegno” azzurro nella regione emiliana.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM