Regionali, Bonaccini a Salvini: “I campanelli li vai a suonare a casa tua”

Il presidente dell'Emilia Romagna riconfermato: "Lui ha perso e io ho vinto. Abbiamo smentito le cassandre che indicavano che sarebbe stata la debacle del Pd"


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Stefano Bonaccini

“Questa regione ha dimostrato che se vuoi suonare i campanelli non vieni qui, li suoni a casa tua”. A dirlo Stefano Bonaccini, presidente riconfermato alla guida dell’Emilia-Romagna, precisando: “lo dico con tutto il rispetto”.

“Ho sentito Mattia Santori – ha aggiunto -, non l’avevo mai sentito nemmeno al telefono. L’ho voluto ringraziare, per la straordinaria mobilitazione che le “Sardine” hanno saputo mettere in campo”. “Salvini ha giocato a ‘Salvini contro Bonaccini’. A me quella sfida non interessava, ma Salvini ha perso e io ho vinto”.

“Abbiamo smentito le cassandre che indicavano che sarebbe stata la debacle del Pd”, ha aggiunto Bonaccini, ricordando che “dopo solo 8 mesi il centrosinistra ha recuperato oltre 10 punti” e il “Pd è tornato primo partito, nonostante la Lega abbia giocato il carico da novanta”. Intanto, per stasera in Piazza Grande a Modena il governatore festeggerà la sua strepitosa vittoria.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM