20 Gennaio 2022

Crisi, è scontro tra Renzi e M5s su Mes e Reddito. Fumata nera nella trattativa

A Montecitorio il tavolo di lavoro con i rappresentanti di ogni gruppo coordinato dal presidente Fico. Niente documento dalla riunione. Si prosegue martedì. Ma la strada è in salita sui contenuti e sul Conte ter

Stessa categoria

Piazza Montecitorio Camera dei Deputati media

E’ terminato alle 21 di lunedì sera, il tavolo sul cronoprogramma avviato a Montecitorio dal presidente della Camera Roberto Fico. Il confronto sul programma tra i partiti di maggioranza riprenderà martedì mattina alle 9 per terminare alle 13.

Si procede a rilento, tra mugugni, schermaglie e difficoltà, con la convinzione che la partita decisiva si giochi su altri tavoli. Ma il lavoro va avanti, nonostante ci sia incertezza persino sulla stesura di un documento finale, al momento non così scontato.

Lo vorrebbe nero su bianco Italia Viva, per gli altri alleati di governo la questione non sembra determinante. Continua a dividere soprattutto il Mes, con Renzi che alza la posta. I renziani hanno chiesto almeno un ricorso parziale al ‘fondo Salva Stati’, previa valutazione delle misure da finanziare. I dem hanno ribadito come occorra finanziare con maggiori risorse la sanità. Ma il no, netto e convinto, è arrivato da M5S, come da attese: sul Mes il Movimento non è disposto a trattare.

Distanze sono state registrate anche sulla riforma fiscale, nonché sulle riforme istituzionali e il Recovery plan. Italia viva ha chiesto l’istituzione di una commissione bicamerale sulle riforme – idea calata sul tavolo nel gelo degli alleati- che si occupi, fra le altre cose, di legge elettorale. I renziani, su questo fronte, hanno sparigliato ribadendo sì la loro propensione al maggioritario, ma dicendosi disponibili ad accettare anche il proporzionale a patto che vengano reintrodotte le preferenze, un’accelerazione che sembra non essere stata molto gradita dai dem.

Al contrario, il M5S è tornata a chiedere a gran voce il ritorno delle preferenze -in questo in linea con i renziani- e il voto ai 18enni anche per il Senato. Anche sulle politiche del lavoro, frizioni e distanze al tavolo. Italia viva ha chiesto un salto di qualità per Anpal e Inps -nel mirino, come era da aspettarsi, Pasquale Tridico- indisponendo ulteriormente i 5 Stelle.

Anche sul reddito di cittadinanza botta e risposta tra le parti, con i grillini che difendono uno dei loro cavalli di battaglia. “Completiamo il reddito di cittadinanza con il rafforzamento delle politiche attive e dei controlli, così come del resto era previsto fin dall’inizio”, la posizione portata al tavolo dalla delegazione del Movimento 5 Stelle in tema di lavoro. Accanto al completamento del reddito di cittadinanza, sarebbe stata avanzata dal Movimento la proposta di “riforma degli ammortizzatori sociali che sarebbero destinati a tutte le categorie di lavoratori, compresi gli autonomi”. Proposta anche l’introduzione di “un salario minimo e l’equo compenso per professionisti e lavoratori autonomi”.

Il Reddito di cittadinanza è fumo negli occhi per l’Italia viva di Renzi. Uno tra i tanti elementi divisivi come aveva già detto più volte l’ex premier in riferimento alla misura approvata con il governo gialloverde, quando i renziani stavano all’opposizione prima che Salvini facesse cadere il ‘suo’ governo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Vaccini, media: “Figliuolo denunciato per abuso di potere e omicidio colposo”

Ingegnere dell'Unical Reda: “E’ pazzesco. Si ammette esplicitamente che di fatto l’attuale vaccinazione di massa è sperimentale". Siamo, insomma, le cavie delle industrie farmaceutiche. Si ammette esplicitamente di non conoscere ciò di cui si parla. Si ammette esplicitamente di non conoscere il significato di prescrizione medica limitativa (RRL)”, prosegue l’ingegnere Reda. L’esperto elenca poi quali sarebbero i punti incriminati e le parole rilasciate dal Generale di Corpo d’Armata a proposito di quanto denunciato

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER