15 Aprile 2024

Senatrice Granato: “Per 5 ricoveri in intensiva si comprimono i diritti costituzionali dei cittadini”

"L’informazione pubblica ci dice che l’immunizzazione del vaccino non durerebbe più di 6 mesi e che quindi è necessaria la terza dose. Ma ancora non ho visto un provvedimento che riduce la durata del Green Pass. La verità è che la curva dei contagi in Italia si mantiene bassa grazie a tutti quei lavoratori che un giorno sì e un giorno no devono fare il tampone a proprie spese per accedere al luogo di lavoro”

Correlati

“Ieri il numero dei contagiati era di 10.172, 72 morti, 90 ricoveri e 5 posti occupati in terapia intensiva. Questi sono i dati sulla base dei quali si stanno comprimendo i diritti costituzionali dei cittadini, specie quello alla privacy. Mentre i malati di tumore al giorno che muoiono sono 490, di malattie cardiovascolari oltre 600. Questo significa che i nostri diritti costituzionali valgono molto, molto meno di questi dati”.

La senatrice Bianca Laura Granato, del Gruppo Misto, attacca così il decreto capienze, attualmente all’esame di palazzo Madama per la conversione in legge (accesso alle attività culturali, sportive e ricreative, sull’organizzazione di pubbliche amministrazioni e in materia di protezione dei dati personali).

“Il provvedimento di oggi – prosegue la senatrice Granato – sdogana la possibilità per i funzionari della pubblica amministrazione di accedere ai dati dei dipendenti coperti da privacy per ragioni non ben specificate di interesse pubblico. Ma chi lo rappresenta o decide cos’è l’interesse pubblico, visto che appunto i nostri diritti costituzionali sono tutti stati compressi in nome di numeri che fanno ridere i polli?”.

“Un interesse pubblico – dice ancora Granato – stabilito da un governo che sta conducendo questa fase di emergenza presunta. Con questo decreto i dirigenti della pubblica amministrazione possono per esempio accedere al dato delle vaccinazioni del personale oppure a quello della validità del Green pass e quindi della sua data di scadenza. Che è una cosa che non c’entra nulla con l’interesse pubblico perché noi sappiamo benissimo che l’acquisizione preventiva di un foglio di carta dove c’è un QR code non corrisponde affatto alla sicurezza sanitaria oppure all’immunità del possessore di quel QR code che ha consegnato quella carta al suo dirigente o al suo datore di lavoro. Perché quel QR code potrebbe anche essere valido nonostante la positività del suo detentore perché sappiamo che il Green pass non viene nemmeno sospeso a chi si rivela positivo”.

“Ora l’informazione pubblica ci dice che l’immunizzazione del vaccino non durerebbe più di 6 mesi – insiste Granato – e che quindi è necessaria la terza dose. Ma io ancora non ho visto un provvedimento che riduce la durata del Green Pass. La verità è che la curva dei contagi in Italia si mantiene bassa grazie a tutti quei lavoratori che un giorno sì e un giorno no devono fare il tampone a proprie spese per accedere al luogo di lavoro”.

L’intervento in aula della senatrice Bianca Laura Granato (Misto – l’Alternativa c’è)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)