24 Febbraio 2024

Nuovi veti tra B. e Meloni. Sembra una “messinscena” per non governare?

Dopo la "finta" pace in via della Scrofa, ecco Berlusconi che a distanza di poche ore stravolge nuovamente gli accordi per un possibile esecutivo guidato da Fratelli d'Italia. Ogni ora che passa esce fuori un nuovo pretesto. Ereditare le macerie del governo Draghi non è affatto facile

Correlati

La tregua tra Berlusconi e Meloni è durata circa 24 ore. Il Cav dopo l’incontro con la presidente di Fratelli d’Italia, rimescola le carte dell’accordo e manda tutto in aria. L’intesa era, tra le altre questioni, di Nordio alla Giustizia, ma il leader di FI dopo poche ore propone la Casellati, in origine prevista per le Riforme.

A questo punto l’impressione è di una “messinscena”, dove di proposito si alzano tiri e veti per NON andare a governare, lasciando così campo libero a Mattarella di incaricare un tecnico alla Draghi capace di tirare fuori l’Italia dalle sabbie mobili in cui si trova, ovvero dalle macerie di questi ultimi due anni e che si annunciano macigni di carattere socio economico; una crisi spaventosa senza precedenti di cui si stanno già sentendo gli effetti con milioni di disoccupati e migliaia di imprese costrette a chiudere, soprattutto per il caro energia “pilotato” dalla stessa Ue (cui conviene la borsa speculativa di Amsterdam per spingere sul cosiddetto Green…) che glissa sulle richieste di intervento degli stati.

Un altro elemento di imbarazzo per la maggioranza e per gli altri partiti è che Berlusconi, non solo sta alzando la posta apparentemente per evitare palazzo Chigi (trovando di volta in volta il casus belli), ma ha annunciato di aver riallacciato i rapporti con Putin, con tanto di scambio di vodka vino e “dolci” letterine: “E’ un amico”, ha detto. Una nota che spiazza Meloni (e tutto l’establishment euro-atlantico) che invece si era schierata apertamente con il presidente ucraino Zelensky e contro il presidente russo.

Proprio oggi, al proposito, è stato fatto circolare un audio di Berlusconi registrato ieri in assemblea coi suoi 45 deputati, in cui il presidente di FI difende a spada tratta l’operazione speciale di Putin in Ucraina. Poi incalza sull’assenza di veri leader in Occidente e ironizza: “L’unico leader sono io”. E su Zelensky: “Non posso dire quello che penso di lui, lasciamo perdere…”.

Guarda l’audio-video

Insomma, la tregua è durata poche ore con inutili bracci di ferro da entrambi le parti. Se alle consultazioni al Quirinale i partiti del centrodestra andranno divisi, si capiranno molte sfumature della “sceneggiata” per NON assumersi la responsabilità di governare, pur avendo una maggioranza schiacciante nei due rami del Parlamento.

Andando vedendo capiremo molte cose, se è una ipotesi verosimile oppure FI alza la posta per ottenere più poltrone. Ma alla luce delle ultime dichiarazioni per la Meloni e per il Colle l’imbarazzo è molto forte, anche per via del fatto che gli azzurri hanno indicato il vicepresidente Tajani alla Farnesina, sede del ministero degli Esteri.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Sequestrati beni per 2,5 milioni a imputati processo antimafia

Beni per un valore di oltre 2,5 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)