23 Febbraio 2024

Coronavirus, Italia prima in Ue per contagi. E adesso? “Speriamo che io me la cavo”

Correlati

I primi contagi diffusi da coronavirus in Italia preoccupano non solo le autorità sanitarie quanto soprattutto i cittadini. Il fenomeno è per adesso limitato alla sola Lombardia e al Veneto.

Ma il timore è non solo una diffusione più estesa nelle altre regioni, bensì il fatto che il nostro paese è del tutto inadeguato ad affrontare l’emergenza. Non siamo la Cina. Con 17 casi confermati in poche ore abbiamo superato la Germania che aveva da settimane il numero dei contagiati fermo a quota 16, la Francia nove, il Regno unito 12, mentre gli Stati Uniti 15.

E se il premier Conte si affretta ad affermare che non bisogna farsi prendere dal panico, l’impreparazione ad affrontare una emergenza su vasta scala, lascia intatte tutte le perplessità.

Qualcuno a Roma pensava evidentemente che il Covid-19 non avrebbe portato grandi problemi in Italia. Invece nell’arco di un giorno siamo primi in Europa per numero di ammalati. La solita improvvisazione all’italiana, con la politica brava a costituire le solite cabine di regia, dichiarare stati di emergenza, e, al tempo stesso, fare proclami di rassicurazioni e di non allarmismo. Un colpo alla botte, l’altro al cerchio…

Intanto, mancano o scarseggiano pesantemente, mascherine e indumenti idonei a difendersi dal contagio, per non parlare degli ospedali che già in “tempi normali” sono messi proprio male, soprattutto al sud Italia, figuriamoci con una eventuale epidemia di questa portata. E delle scuole? Meglio non parlarne.

Cosa succederà nelle prossime ore e nei prossimi giorni nessuno è in grado di saperlo. Di certo l’Italia – men che meno quel carrozzone dell’Ue, assente anche in questo caso -, non è capace come i cinesi di realizzare ospedali improvvisati in tempi record. In un mese Pechino ha messo su diversi presidi ospedalieri temporanei per curare migliaia di pazienti.
E l’Italia? “L’Italia è pronta ad affrontare l’emergenza”, rassicura il governo. Come dire, ‘speriamo che io me la cavo’.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Sequestrati beni per 2,5 milioni a imputati processo antimafia

Beni per un valore di oltre 2,5 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)