Coronavirus, è giallo sul “paziente zero”. Borrelli: “Non riusciamo a trovarlo”


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

E mistero sul “paziente zero”, cioè la persona da cui è partita la diffusione del coronavirus in Italia. Non si trova. Ad ammetterlo è il capo della Protezione civile Angelo Borrelli che nel briefing di mezzogiorno ha affermato che “non siamo ancora riusciti a trovare il “paziente zero”. È dunque ancora difficile formulare ipotesi sulla diffusione”.

Nel snocciolare le cifre, Borreli ha affermato che il bilancio è attualmente di 152 persone contagiate, tra cui le tre vittime accertate (tre anziani, due donne e un uomo).

“Sono oltre 3000 i tamponi eseguiti, – ha spiegato Borrelli. “Al momento sono già disponibili migliaia di posti letto in decine di strutture militari in Italia nel caso fosse necessario mettere i cittadini in quarantena.

“L’Esercito – ha aggiunto – ha messo ha disposizione 3.412 posti letto in oltre mille camere, mentre l’Aeronautica ne ha dati circa 1.750. Abbiamo fatto inoltre una ricognizione con le regioni per gli alberghi e siamo pronti ad utilizzarli”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM