Coronavirus, il presidente Usa Trump attacca l’Oms: “Diffonde dati falsi”

il Presidente degli Stati Uniti contro l'allarmismo dell'Organizzazione mondiale della sanità: "Molte delle persone che contrarranno il coronavirus si riprenderanno rapidamente, senza neanche vedere il medico".

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

Il tasso di mortalità del 3,4% di cui parla l’Organizzazione Mondiale della Sanità per il coronavirus è un “numero falso”. Lo afferma il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump in un’intervista all’emittente Fox poi ribadito nel corso di una conferenza. Il capo della Casa Bianca dice che “molte delle persone che contrarranno il coronavirus si riprenderanno rapidamente, senza neanche vedere il medico”.

I vertici dell’Oms avevano lanciato l’allarme: “Siamo preoccupati per il fatto che una lunga lista di Paesi non abbiano preso abbastanza sul serio” il coronavirus che ha ucciso 3.300 persone nel mondo “o abbiano deciso che non possono fare nulla”. Il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus quindi insiste: “Siamo preoccupati che in alcuni Paesi il livello di impegno politico e le azioni che dimostrano tale impegno non corrispondano al livello della minaccia che tutti affrontiamo”. Una teoria contrastata da Trump.

Il coronavirus rischia di mettere a dura prova i fondamentali del sistema sanitario americano, grazie soprattutto alla riforma sanitaria dell’ex presidente Usa Barak Obama. Non tanto in termini di strutture ma in termini di costi. Una preoccupazione che non sfugge all’amministrazione Trump. La Casa Bianca starebbe considerando la possibilità di usare uno speciale programma nazionale per pagare gli ospedali e i medici che curano pazienti che non hanno l’assicurazione sanitaria.

Nel 2018, appunto per effetto delle politiche sanitarie di Obama, circa 27,5 milioni di americani, cioè l’8,5% della popolazione, non aveva un’assicurazione sanitaria, neanche temporanea.

Di grande impatto sull’emergenza covid-19 è stato il taglio degli interessi della Federal reserve, la banca centrale statunitense.

“Con circa 100.000 casi CoronaVirus in tutto il mondo e 3.280 decessi, gli Stati Uniti, – scrive Trump sui social – a causa della rapida azione di chiusura dei nostri confini, hanno finora solo 129 casi (40 americani portati) e 11 decessi. Stiamo lavorando molto duramente per mantenere questi numeri il più basso possibile”.

“Il Dipartimento della Pubblica Istruzione NON sta chiudendo centinaia di scuole nelle aree rurali del nostro Paese. Queste sono solo altre notizie false”, aggiunge Trump. “Stiamo investendo molto nelle nostre scuole e lo faremo sempre”.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB