Virologo israeliano esorta i leader mondiali a calmare i cittadini: “Panico inutile ed esagerato”

"La gente pensa che questo virus li colpirà e poi moriranno tutti", afferma il prof. Jihad Bishara. "Non è affatto vero", spiega. "La maggior parte delle persone contagiate si riprenderà senza nemmeno sapere di essere stati malati. C'è bisogno di moderazione. Puoi chiudere un intero paese, ma ci sono altri mezzi" per contenere il contagio.


Un importante virologo israeliano ha esortato i leader mondiali a calmare l’opinione pubblica sulla pandemia di coronavirus, affermando che le persone sono bombardate da notizie con cui si diffonde un panico inutile. Lo riporta il Times of Israel.

Il prof. Jihad Bishara, direttore dell’Unità per le malattie infettive dell’ospedale Beilinson di Petah Tikva, ha affermato che alcuni dei passi compiuti in Israele e all’estero sono molto importanti, “ma il virus non è disperso nell’aria, la maggior parte delle persone infette si riprenderà senza nemmeno sapere di essere stati malati; i gruppi a rischio sono ora noti e il panico globale è inutile ed esagerato”.

“Sono in questo settore da 30 anni”, ha detto Bishara in un’intervista a Channel 12. “Ho attraversato MERS, SARS, Ebola, la prima guerra del Golfo e la seconda, e non ricordo nulla del genere. C’è inutile panico esagerato. Dobbiamo calmare le persone”.

“La gente pensa che ci sia una specie di virus nell’aria che attaccherà ognuno di noi e chiunque verrà colpito morirà”, ha detto. “Non è affatto così. Non è nell’aria. Non tutti (i contagiati gravi) muoiono; la maggior parte migliorerà e non saprà nemmeno di essere malata o avrà un po di muco”, dice il professore.

Ma in Israele e in tutto il mondo, “tutti stanno facendo impazzire la gente attraverso le notizie diffuse dai grandi media. Siamo entrati in una sorta di circolo vizioso”.

Il virologo ha esortato l’opinione pubblica a comprendere che “stiamo parlando di un virus che non è disperso nell’aria. L’infezione avviene attraverso la trasmissione di goccioline. Solo se sei vicino a qualcuno che ha il virus e ricevi le goccioline quando starnutisce o tossisce, puoi ammalarti. Bisogna mantenere l’igiene personale, principalmente lavandosi le mani”.

Bishara ha affermato che alcuni dei duri passi compiuti in Israele – che ha sostanzialmente chiuso i suoi confini, riunioni limitate a non più di 10 persone, chiuso tutte le strutture educative e chiuso centri commerciali, ristoranti e luoghi di intrattenimento e cultura – sono stati motivati dal fatto che il sistema sanitario israeliano possa subirà pressioni”.

Riferendosi al blocco nazionale italiano, il professore ha affermato che “la quarantena è un’efficace precauzione, ma deve esserci un uso moderato. Puoi chiudere un intero paese, ma ci sono altri mezzi” per contenere il contagio.

A questo punto, ha detto, “sappiamo come si comporta il virus, come si diffonde e quali fasce sono a rischio. Ora sappiamo che il virus è principalmente rischioso per gli anziani e per le persone con una storia di malattie croniche e per coloro che sono immunodepressi”.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb