Plasma iperimmune, conclusa sperimentazione. Ospedale di Mantova: “Pazienti guariti in 48 ore”

Si procede a pieno regime alla raccolta del plasma da pazienti guariti, con un ritmo di 6-7 prelievi al giorno. E sono molti a sperare che il trattamento venga esteso a tutta Italia

Carlomagno Nuova Jeep Compass Aprile 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Il prof. Giuseppe De Donno (destra) al lavoro con il plasma

Si è conclusa qualche giorno fa la sperimentazione sull’utilizzo del plasma convalescente nei pazienti critici affetti da Covid-19. Lo studio, condotto congiuntamente al Policlinico San Matteo di Pavia a partire da marzo, ha visto il coinvolgimento di varie strutture dell’ospedale di Mantova: Immunoematologia e Medicina Trasfusionale, diretta da Massimo Franchini; Pneumologia, diretta da Giuseppe De Donno; Medicina di Laboratorio, diretta da Beatrice Caruso; Malattie Infettive, diretta da Salvatore Casari. Lo fa sapere l’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Mantova.

Sono in corso le analisi dei dati raccolti dagli specialisti nell’ambito del progetto e la successiva pubblicazione. Al servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del Carlo Poma sta intanto procedendo a pieno regime la raccolta del plasma da pazienti guariti, con un ritmo di 6-7 prelievi al giorno.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Una gara di solidarietà da parte dei donatori, ormai oltre 60, che si propongono anche da fuori provincia e da altre regioni italiane per offrire il prezioso emocomponente. A breve partiranno nuove sperimentazioni multicentriche, alle quali ASST di Mantova intende aderire per potere continuare a utilizzare questa importante terapia antivirale contro il coronavirus.

“I professionisti dell’ASST – è scritto in una nota – ringraziano ufficialmente per la proficua collaborazione i colleghi di Pavia, con particolare riferimento al direttore del Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Cesare Perotti e al responsabile del Laboratorio di Virologia Molecolare Fausto Baldanti”.

L’utilizzo del plasma di pazienti guariti sui malati affetti da Covid è apparsa la carta vincente sul fronte della cura nei due nosocomi che in molti sperano che venga estesa in tutta Italia. A Mantova, che da circa un mese non hanno decessi, la siero terapia hanno iniziato a praticarla con successo nelle scorse settimane. Stessa cosa al San Matteo di Pavia.

Secondo i medici, i pazienti malati dopo il trattamento si rimettono rapidamente: “Dalle 2 alle 48 ore”, ha detto il direttore di Pneomologia e terapia intensiva Giuseppe De Donno. Non trattandosi di un farmaco, il plasma ha pochissimi costi, è sicuro e senza effetti collaterali. Le persone guarite dal coronavirus che donano il loro sangue devono essere persone sane.

Viene chiamato plasma iperimmune perché è carico di anticorpi. Al Poma di Mantova con la siero terapia è guarita totalmente anche una giovane donna incinta arrivata in ospedale in condizioni disperate.

Covid, la cura c’è ma i grandi media non ne parlano. Il caso dell’ospedale di Mantova, da un mese senza decessi

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM