Il Diabete seconda concausa di morte con Covid, Esperti: “Pazienti a rischio se si ritarda trattamento chirurgico”

Carlomagno Jeep Renegade Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

In Italia, la media dei pazienti affetti da Diabete deceduti perché colpiti anche dall’infezione Covid si attesta oltre il 31 percento, secondo stime dell’Iss; al secondo posto dopo le malattie cardiovascolari che detengono il primato come patologie pregresse concause con il covid. Un dato che si somma all’oltre 10% dei pazienti deceduti con obesità.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati sospesi in Italia, così come in altri paesi nel mondo, tutti i trattamenti chirurgici sui pazienti affetti da Diabete di tipo 2 e grave obesità, che vengono trattati con la chirurgia bariatrica ideata dal Professore calabrese Francesco Rubino, direttore della prima cattedra al mondo alla King’s College di Londra. Trattamenti già programmati e sospesi perché non ritenuti urgenti. Ma il dato di pazienti affetti da diabete e obesità deceduti con il virus, spinge gli esperti a dichiarare alto il rischio di altri possibili decessi se non si interviene in tempo.

Secondo gli esperti, infatti, ritardare il trattamento chirurgico potrebbe esporre questi pazienti a un rischio maggiore di complicazioni o mortalità causate sia da diabete e obesità che da Covid-19. Questo rischio è contemplato nelle nuove linee guida internazionali che identificano pazienti con maggiore necessità di interventi di chirurgia bariatrica e metabolica.

Le raccomandazioni, pubblicate l’altro giorno su The Lancet Diabetes & Endocrinology da esperti del Vertice pluridisciplinare per la chirurgia del diabete (Diabetes Surgery Summit -DSS), guidato dal professor Rubino, descrivono i candidati chirurgici maggiormente esposti al rischio di morbilità e mortalità per diabete di tipo 2 o per obesità grave, per i quali la terapia chirurgica tempestiva può essere salvavita.

La chirurgia bariatrica e metabolica, utilizzata per trattare il diabete e l’obesità di tipo 2, è stata sospesa durante la fase acuta della pandemia, per far posto ai numerosi pazienti con Covid-19 e per ridurre i rischi di infezione tra pazienti e personale.

Tuttavia, avvertono gli esperti che il ritardo delle operazioni potrebbe aumentare i rischi di complicanze serie e di mortalità per i pazienti in attesa di intervento. Il professor Francesco Rubino, che è anche chirurgo al King’s College Hospital, ha dichiarato che “in questi tempi in cui l’accesso ai servizi ospedalieri è necessariamente limitato, i pazienti con più alto rischio di sviluppare complicanze se non trattati tempestivamente devono essere identificati con criteri clinici adeguati e avere accesso tempestivo alle cure di cui hanno bisogno”

“L’errata concezione – purtroppo diffusa – che la chirurgia bariatrica sia “l’ultima risorsa”, il diffuso stigma dell’obesità e l’inadeguatezza dei criteri di selezione dei pazienti possono penalizzare i candidati al trattamento chirurgico di obesità e diabete.”, aggiunge il Prof. Rubino.

“Le pur necessarie politiche di distanziamento fisico potrebbero inoltre limitare l’aderenza a uno stile di vita sano, peggiorando la salute dei pazienti candidati ad intervento chirurgico.
Rispetto ai trattamenti non chirurgici, la chirurgia bariatrica e metabolica garantisce una maggiore perdita di peso a lungo termine, una riduzione del rischio cardiovascolare, la remissione del diabete in molti casi e può anche migliorare la sopravvivenza a distanza”.

“Inoltre, il trattamento chirurgico del diabete può migliorare drasticamente e rapidamente condizioni come l’obesità, severa, il diabete e l’ipertensione, condizioni che possono aumentare il rischio di gravi complicazioni del Covid-19. Il trattamento tempestivo renderebbe quindi questi pazienti meno vulnerabili durante future recrudescenze della epidemia”.

Il professor Paul Zimmet, dell’Università “Monash” di Melbourne Australia, presidente onorario della Federazione Internazionale del Diabete e co-autore dello studio, ha dichiarato: “Queste operazioni sono chiamate “elettive” perché possono essere programmate in anticipo, non perché il trattamento che forniscono è meno necessario. La chirurgia metabolica è un trattamento potenzialmente salvavita per determinate persone obese affette da diabete di tipo 2.”

Condizioni che secondo gli esperti richiedono l’accesso alle cure chirurgiche entro 90 giorni:
Rischio elevato di complicazioni da diabete, quali malattie cardiovascolari o insufficienza renale
Diabete di tipo 2 in persone obese che richiede uso di insulina. Scarso controllo dei livelli di zuccheri nel sangue nonostante l’assunzione di più di due medicinali anti-diabete
Forme gravi di obesità (BMI >60 “Body Mass Index – Indice di massa corporea, ndr”).
Forme di obesità severa ma meno grave (BMI >40) in presenza di almeno tre co-patologie associate alla obesità, quali disfunzioni epatiche, respiratorie, renali o cardiache.

Necessità di perdita di peso e/o di miglioramento metabolico per facilitare altri trattamenti urgenti, come i trapianti di organi.

L’accesso standard alla chirurgia bariatrica e metabolica può essere invece riservato ai pazienti che più difficilmente andrebbero incontro a deterioramento entro 6 mesi, ma questi pazienti devono essere sottoposti ad appropriati trattamenti farmacologici e a interventi sullo stile di vita per mantenere un controllo ottimale e ritardare la progressione della malattia.

Il gruppo di esperti raccomanda inoltre di effettuare uno screening COVID-19 obbligatorio per tutti i pazienti che prevedono la chirurgia metabolica. Nonostante il rischio teorico più elevato di contagio per il personale, lo studio ha rilevato che la chirurgia laparoscopica (mini-invasiva) rimane l’approccio migliore, ma si devono utilizzare adeguati dispositivi di protezione individuale per chirurghi e operatori sanitari.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb