Covid, studio Stanford: “Lockdown inutile contro il Covid. Meglio fare come la Svezia”

Secondo una ricerca condotta da quattro eminenti professori dell'università californiana, i rigidi blocchi hanno avuto un impatto minimo sulla prevenzione della diffusione del virus rispetto alle politiche di contenimento più leggere

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Il lockdown è inutile a combattere il Covid-19. Ad asserirlo, uno studio dell’Università di Stanford che sancisce la validità del modello Svezia, paese che dall’inizio dell’emergenza non ha mai adottato chiusure e dove i cittadini stanno all’aperto senza alcuna precauzione, che siano mascherine, coprifuoco e divieti di assembramenti come in Italia e altrove.

Per mesi si è discusso dell’utilità o meno del lockdown. Mentre l’Italia adottava alcune delle politiche più ferree di chiusura al mondo, altri paesi, come la Svezia, avevano scelto di non costringere i propri cittadini a restrizioni e regole.

Catastrofe, disastro, sciagura e rovina erano stati invocati da media e scienziati nostrani al solo pensiero – alla sola considerazione – di questa seconda strada. A leggere le prime pagine dei giornali italiani nell’ultimo anno si sarebbe potuto ipotizzare che gli abitanti della Svezia sarebbero stati spazzati via dal Covid… e invece? E invece i numeri svedesi ad oggi sono nettamente migliori dei nostri e di altri paesi, con un numero di decessi per Covid – per milione di abitanti – nettamente inferiore: 1.553 per noi, 1.232 per gli svedesi. E se si guarda la curva dei contagi? Quella svedese è in calo, quella italiana resta stabile.

Se però prima i fautori delle chiusure si appellavano alla non scientificità del metodo svedese, adesso arriva anche la conferma di una delle università più prestigiose al mondo. Ecco cosa si legge in un recente articolo di Repubblica: Coronavirus, “Lockdown inutile, meglio fare come la Svezia“. Lo studio di Stanford che dà ragione a Vaia“ (Dottor Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani di Roma, ndr).

Continuando nella lettura viene affermato che “secondo una ricerca condotta da quattro eminenti professori dell’università californiana, la chiusura totale non è la migliore arma contro il Covid: la stessa riduzione dei casi di contagio può infatti essere raggiunta attraverso interventi meno restrittivi“.

Morale della storia? Dopo mesi di chiusure, coprifuoco, restrizioni e lockdown la situazione italiana, come era evidente dall’inizio, non è mai migliorata, anzi è rimasta una delle peggiori al mondo. Adesso la domanda è d’obbligo: perché nessuno ha mai provato a mettere in discussione l’efficacia di questa strategia?

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM