1 Dicembre 2022

Il colosso Amazon compie 20 anni. Nacque in un garage

Correlati

Amazon compie 20 anniAmazon.com compie vent’anni. Nato il 16 luglio 1995 come un sito per vendere libri, in due decenni è diventato un colosso dell’e-commerce.

Fondato da Jeff Bezos dal box della sua villetta non lontano da Seattle, il portale è piano piano cresciuto fino a divenire un punto di riferimento planetario per gli acquisti su web.

In quello stesso anno, il ’95, Bill Gates lanciò la prima versione di Windows, che rivoluzionò il pianeta dei Pc dei sistemi operativi. E da lì che Bezon fiutò la grande occasione di costruire un negozio online che oggi è la grande realtà che tutti conoscono.

Un grande discount virtuale dove poter comprare di tutto, dalle tinte per capelli al vestiario, dall’elettronica alle scarpe alle tv fino all’editoria digitale, per arrivare alle culle baby e agli articoli sanitari. Amazon spazia insomma in tutti i settori mercelogici con erormi magazzini reali di giacenza. Fai un ordine online, e il prodotto viene ricercato nei depositi dagli addetti e spedito in qualche giorno via posta. Un gigante che è in concorrenza “spietata” con altri colosssi come eBay e il cinese Alibaba, per citare i più grossi.

Nel ’97 Amazon.com viene quotato in borsa con Bezos che diventa presto milionario. L’anno successivo lancia in Gran Bretagna Amazon Uk fino ad espandersi a macchia d’olio. Oggi ha uffici e filiali in molte nazioni come Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania India, Italia, Giappone, Messico, Olanda e Spagna. E per ciascuna connessione che viene fatta dal mondo, digitando il nome a dominio Amazon.com visualizza quello geolocalizzato e tradotto alla perfezione come ad esempio Amazon.it.

Amazon compie 20 anniAll’inizio è stato difficile per la diffidenza dello shopping online. Poi non tutti avevano un Pc, un allaccio alla rete efficiente e sistemi di pagamento sicuri come Paypal. Ma la tenacia e il forte credo che aveva Bezos nello sviluppo della tecnologia, lo hanno portato al successo.

Oggi con la banda larga e in qualche caso quella ultra, con l’avvento dei device portatili – nei cinque continenti – Amazon.com realizza fatturati da capogiro: per miliardi di dollari l’anno.

Una sfida vinta a cui, dopo vent’anni, Jeff Bezos ne propone di nuove come ad esempio la consegna coi droni (autentica rivoluzione) fino al mondo dei servizi, anche finanziari e assicurativi oltre al consolidamento di Kindle, una delle piattaforme di editoria online più evolute nel web lanciata da Amazon nel 2007.

Un mondo virtuale che dà lavoro “reale” a oltre 124 mila dipendenti sparsi un po’ nel mondo, mentre al posto del piccolo e sconosciuto magazzino sotto casa è sorta una città, di nome Amazon, in una città di Seattle. Il 16 luglio festeggia il suo ventesimo compleanno con strepitose offerte speciali.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Falso in bilancio, si dimette l’intero Cda della Juventus

Dopo dodici anni lascia anche il presidente Andrea Agnelli. Gianluca Ferrero sarà il nuovo presidente. Alla base della decisione il coinvolgimento nell'indagine Prisma per falso in bilancio e dalle contestazioni della Consob

DALLA CALABRIA

Caso Bergamini, Padovano svela: “Denis ricevette una telefonata che lo stranì”

"Quel sabato mattina era normale, nel pomeriggio ricevette una telefonata che lo stranì ma non conosco il contenuto della...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER