7 Dicembre 2021

Facebook accontenta gli utenti e mette il pulsante "Non mi piace"

Stessa categoria

Mark Zuckerberg: introduco il pulsante non mi piace su FacebookDa anni molti utenti chiedono sotto i post su Facebook il pulsante “Non mi piace”. E il fondatore e Ceo Mark Zuckerberg è disposto ad accontentarli. Il nuovo pulsante è pronto per essere testato e sarà a pronto per le prossime settimane.

Parlando al quartier generale di Facebook, a Menlo Park, il numero uno di Palo Alto ha ammesso che “Mi piace” non è sempre “appropriato”, come quando gli utenti vogliono esprimere empatia per una notizia negativa”. Fino ad oggi ci sono solo tre pulsanti: “Mi piace”, “commenta” e “condividi”.

A chi non piace un post può darsi che lo legga ma poi lo ignora. Il “Non mi piace”, già previsto in altri canali come You Tube, è un modo per dare all’utente la possibilità di esprimere una “opinione” diversa, a Facebook invece di creare maggiori interazioni per far scorrere in cima nei feeds solo notizie che hanno avuto maggiori interazioni come del resto avviene ora per le Pagine, dove un post per essere visibile deve avere molti mi piace, commenti e condivisioni.

Altrimenti gli tocca l’oblio. Se un post di una Pagina non ha interazioni ma si desidera farlo comparire nel flusso di notizie occorre pagare, senza avere comunque la certezza che il post venga effettivamente visto, come lamentano molti proprietari di pagine che hanno pagato anche diverse decine di euro.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER