Pianeta nano Cerere, scienziati: “Individuata acqua”

Carlomagno campagna ottobre 2018
Pianeta nano Cerere, scienziati: "Individuata acqua"
Acqua sul pianeta nano Cerere

C’è acqua sulla superficie del pianeta nano Cerere, anche se non si sa se si trovi allo stato liquido o ghiacciato, o imprigionata nelle rocce. A individuare il liquido della vita è stato lo strumento italiano Vir (Visual and Infrared Spectrometer) montato a bordo della sonda Dawn della Nasa e fornito dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), sotto la guida scientifica dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf).

La presenza dell’acqua è stata individuata nel cratere Oxo ed è stata annunciata negli Stati Uniti, nella Lunar and Planetary Science Conference di Woodlands, in Texas.

Lo spettrometro “Vir ha osservato la presenza di acqua all’interno di Oxo, un cratere di recente formazione, con un diametro di circa 9 chilometri e situato nell’emisfero Nord di Cerere”, ha detto Maria Cristina De Sanctis, dell’Istituto di astrofisica e planetologia spaziali dell’Inaf. La scoperta, secondo la ricercatrice, “ribadisce l’importanza di Cerere nel contesto degli scenari di formazione del Sistema solare”.

Grazie ai primi dati dello strumento Grand (Gamma Ray and Neutron Detector) sono state individuate concentrazioni di idrogeno maggiori in prossimita’ dei poli. Poiché l’idrogeno è il principale costituente dell’acqua, questa informazione rafforza lo scenario della presenza di ghiaccio d’acqua in prossimità della superficie nelle regioni polari di Cerere. I prossimi test dovranno confermarlo e dire che in stato si trova l’acqua.