19 Maggio 2022

Giornalista inglese: “Fiamme sul Titanic prima dell’impatto con l’iceberg”

Stessa categoria

Il Titanic in partenza da Southampton il 10 aprile 1912
Il Titanic in partenza da Southampton il 10 aprile 1912 (Wikipedia)

E’ probabile che la storia del Titanic sia da riscrivere. In un documentario realizzato per l’emittente britannica Channel 4, il giornalista inglese Senan Molony rivela che la nave “inaffondabile”, in base a documenti rimasti segreti, possa essere stata colpita da un incendio nella sala caldaie prima di salpare alla volta di New York nel suo viaggio inaugurale.

Quindi, prima dell’impatto con l’iceberg il gigante dei mari affondato il 14 aprile del 1912, era già indebolito dalle fiamme che piano piano si sono sviluppate a bordo, ma il personale non lo avrebbe comunicato tenendo la notizia riservata.

TitanicDall’analisi di alcune immagini del transatlantico visionate dal team di documentaristi guidati da Molony, sono emersi i segni del rogo sulle pareti della sala caldaie. Il cronista,  che è redattore politico dell’Irish Daily Mail, spiega che c’è stato un tentativo di spegnere le fiamme ma senza successo.

Il giornalista ha ricostruito che il fuoco si sarebbe sviluppato nella sala di alimentazione del carbone, posta su tre piani, dove la temperatura raggiunse circa i 1.000 gradi, deformando l’acciaio della paratia e reso fragilissima la struttura del Titanic.

L’incendio, sviluppato già nei cantieri di Belfast, si sarebbe alimentato durante il viaggio da Southampton a New York. Poi il drammatico impatto con l’iceberg che ha squarciato la parte bassa della linea di galleggiamento, pare proprio in corrispondenza dell’incendio in sala caldaie.

Il naufragio del gigante dei mari costò la vita a 1.518 perone, mentre 705 riuscirono a salvarsi. Il giornalista, intervistato dalla Cnn afferma che l’incendio ha accelerato l’affondamento dopo l’urto con il ghiacciaio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER