Attacchi cyber, il 2016 l’anno peggiore di sempre

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Cyber SecurityIl 2016 è stato “l’anno peggiore di sempre in termini di evoluzione delle minacce cyber e del relativo impatto”. Aumento a quattro cifre per gli attacchi di phishing (+1.166%), cresce del 117% nell’ultimo anno la “guerra delle informazioni”.

Sono i dati del Rapporto Clusit presentato oggi a Milano, che mostra come la maggior crescita percentuale di attacchi gravi nel 2016 è avvenuta nel settore della sanità (+102%), seguito dalla Grande Distribuzione Organizzata (+70%) e dall’ambito Banking e Finance (+64%).

“Nella situazione attuale i rischi cyber non solo stanno crescendo sensibilmente ma continuano a non essere gestiti in modo efficace, ovvero sono fuori controllo. Siamo giunti ad una situazione da ‘allarme rosso'”, spiega Andrea Zapparoli Manzoni, tra gli autori del Rapporto.

A preoccupare maggiormente gli esperti del Clusit è la crescita a quattro cifre degli attacchi con phishing e social engineering, tecniche che sfruttano le debolezze degli utenti. E crescono a tre cifre (+117%) gli attacchi riferibili al ‘cyber warfare’, un vasto spettro di azioni volte a crescere la pressione in ambito geopolitico o dell’opinione pubblica.

Come, ad esempio, gli attacchi alle mail di un partito o alle infrastrutture critiche come i servizi energetici. Nella lista degli attacchi più significativi del 2016 c’è anche quello alla Farnesina. Il rapporto da sei anni fornisce un quadro aggiornato della situazione mondiale, è frutto del lavoro di oltre un centinaio di professionisti del Clusit, l’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica. (Ansa)

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM