1 Marzo 2024

Albero genealogico dell’Homo Sapiens perde ramo

Correlati

I resti del cranio di un esemplare di Australopithecus sediba
I resti del cranio di un esemplare di Australopithecus sediba (fonte: Brett Eloff/ Profberger and Wits University)

L’albero genealogico dell’Homo sapiens perde un ramo e, con esso, quello che finora era ritenuto essere il suo antenato più prossimo: l’Australopithecus sediba. Soltanto nel 2013 ben sei articoli pubblicati sulla rivista Science lo indicavano come il progenitore più vicino all’uomo lungo la scala evolutiva, ma i nuovi dati presentati negli Stati Uniti dall’Associazione americana di antropologia fisica presentano un quadro completamente diverso.

Alla luce della nuova analisi dei fossili riportati da Science sul suo sito, gli esperti considerano l’Australopithecus sediba più vicino agli ominidi, i cui resti sono stati scoperti in Sudafrica. Lì, nel sito di Malapa, nel 2008 erano stati scoperti anche i resti dell’Australopithecus sediba e nel 2010 erano stati considerati gli unici in grado di completare il ‘vuoto’ di reperti nel periodo compreso fra 2 e 3 milioni di anni fa, quando gli australopiteci hanno cominciato ad evolversi nel genere Homo. E’ una ricostruzione molto difficile perché i resti più antichi di un esemplare di Homo risalgono a 2,9 milioni di anni fa e sono decisamente incompleti.

La nuova analisi dei resti dell’Australopithecus sediba indica che quest’ultimo era troppo giovane per essere considerato un progenitore dell’uomo. A condurla è stato il paleoantropologo Bill Kimbel, dell’università dell’Arizona a Tempe, che ha dimostrato che lo scheletro era ancora in via di formazione e di conseguenza troppo indefinito per consentire qualsiasi tipo di conclusione. E’ dello stesso parere Yoel Rak, dell’università israeliana di Tel Aviv, secondo il quale non è improbabile che il giovane australopiteco potesse cambiare radicalmente i tratti facciali nell’età adulta, proprio come accadeva a un suo simile, l’Austrapithecus africanus.

Non sono d’accordo gli autori delle ricerche pubblicate nel 2013, come Darryl de Ruiter, dell’università del Texas. Ma l’unico modo per risolvere la vicenda resta ormai la scoperta dei resti di un esemplare adulto di Australopithecus sediba. (Ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Da Israele nuovo massacro a Gaza. Uccisi oltre cento palestinesi in coda per il cibo

Nuova carneficina dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Oltre cento palestinesi sono stati uccisi mentre erano in fila per...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)