L’ultima pericolosa cretinata del cinese TikTok: Il gioco a spaccare la testa. E nessuno fa niente

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Non solo il coronavirus, che è cosa molto seria che sta investendo la Cina, l’Italia e il resto del mondo, quanto è allarme per l’app cinese TikTok, popolarissima tra i giovanissimi (oltre un miliardo di utenti) per la possibilità di fare gare e giochi che si rivelano anche molto pericolosi, al punto che possono provocare traumi e lesioni gravi, e persino la morte. Moltissimi i genitori preoccupati da questa app che andrebbe bandita.

L’ultima moda cretina che sta spopolando tra gli adolescenti è la “Skull breaker Challenge”, la “sfida a rompere il cranio” delle persone. In cosa consiste questo stupido gioco?

Per metterlo in atto ci voglio tre persone, più un complice che deve registrare il video per postarlo poi sui social network, altrimenti non c’è gusto.

La vittima designata sta al centro, mentre i due cretini ai lati iniziano a saltare invitando il “collega” centrale a fare lo stesso. Quando questo li emula, ecco che i due deficienti in, modo sincronico, lo sgambettano facendolo cadere a terra di peso, con l’ignara vittima che sbatte violentemente la schiena e la testa, come mostra questo video postato su You tube.

Ciò che meraviglia non è solo il colosso cinese (il social TikTok è stato fondato nel 2016 dalla BiteDance di tale “scienziato” Zhang Yiming), società già pesantemente sanzionata dall’Antitrust americana per aver raccolto informazioni sui minori tredicenni, quanto soprattutto i colossi come You Tube, di Google, e di Instagram, di Facebook e altri social minori. Colossi sempre attenti a rimuovere cavolate, ma lasciano stare in rete video che istigano a una violenza inaudita.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM